Sondaggi politici: il 56% degli italiani boccia il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza scatena una polemica infinita, la misura voluta a tutti i costi da Luigi di Maio, adesso sembra interessare anche gli stranieri, ma cosa ne pensano gli italiani?

Sondaggi Ipsos

Pagnoncelli affonda il M5s: il 56% degli elettori contrario al reddito di cittadinanza, viene stroncato senza appello dagli elettori. Brutte notizie anche per quanto riguarda le pensioni, gli italiani iniziano ad avere forti dubbi anche per quanto riguarda l’introduzione di quota 100. Per realizzare quota 100 e reddito di cittadinanza si rischia un notevole aumento della pressione fiscale, ebbene partendo da questo 43% degli italiani sostengono che ne vale la pena, 44% non sono d’accordo e 13% della popolazione rifiuta di rispondere.

Reddito di cittadinanza: Italia divisa in due

Secondo l’ultima rilevazione Ipsos, il sussidio per chi vive in condizioni di povertà continua a non convincere gli italiani.

Sorgono tantissimi punti interrogativi per quanto riguarda il contributo economico erogato dallo stato.

Giuseppe Pisauro, presidente dell’ufficio Parlamentare di Bilancio dichiara che con le nuove modifiche, la pressione fiscale quest’anno salirà da 40% al 42, % del Pil.

Ma cosa succederà realmente con il reddito di cittadinanza? Quanto dobbiamo aspettare ancora per avere una risposta sicura? Chi potrà beneficiare di questo contributo? Sono tutte domande che gli italiani si fanno senza trovare mai una risposta concreta.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza 2019: secondo i dati sosterrà il lavoro in nero

Leggi anche: Sgravi contributivi per le imprese che assumono persone con reddito di cittadinanza

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.