Strisce blu, multa nulla se il Parchimetro è senza Pos: ecco il perchè

-
12/09/2018

Parcheggio con le strisce blu con parchimetro senza pos è possibile parcheggiare senza pagare se non si hanno spiccioli: ecco quando la multa è illegittima

Strisce blu, multa nulla se il Parchimetro è senza Pos: ecco il perchè

Spesso capita che dopo aver cercato a lungo un parcheggio lo si trovi, finalmente, ma nell’area con le strisce blu. Dopo parcheggiato ci si accorge di non aver monete spicciole per il parchimetro e quindi cosa bisogna fare, riprendere l’auto e cercare un nuovo parcheggio? Qualche anno fa, il legislatore che per disincentivare l’uso dei contanti nei pagamenti tra privati e la pubblica amministrazione, ha imposto che anche i parchimetri fossero dotati di Pos evitando così il pagamento con gli spiccioli.

Molti, quindi, si son chiesti se il tachimetro non avesse la predisposizione al Pos è lecito non pagare? Si rincorrerebbe in una multa?

Sulla questione si sono espressi diversi giudici, l’ultimo il giudice di pace di Prato con la sentenza del 18.07.2018.

Parchimetro con Pos ecco cosa prevede la legge

La norma che regola il pagamento della sosta è la seguente: articolo 1, comma 901, della legge 208/15. Il testo è il seguente:

«Dal 1º luglio 2016 le disposizioni di cui al comma 4 dell’articolo 15 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n.  221, si applicano anche ai dispositivi di cui alla lettera f) del comma 1 dell’articolo 7 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285».

Spieghiamo in parole semplici cosa dice la norma, i gestori di pubblici servizi, nei rapporti con l’utenza, sono tenuti ad accettare i pagamenti anche con l’uso di strumenti tecnologici, come il POS, in altri termini con carta di credito o bancomat. Quindi, questa norma viene estesa anche ai parcheggi a pagamento relativi alle aree pubbliche, di solito contrassegnati con le strisce blu.


Leggi anche: Fondo perduto 2021, pagamenti al via per la seconda e ultima tornata: coinvolti 1 milione di beneficiari

La legge ammette la possibilità dei Comuni di non istallare parchimetri con il pos solo in caso di problemi tecnici, ma in questa ipotesi non ricade il fatto che l’amministrazione sia priva di sufficienti fondi per far fronte all’aggiornamento dei parchimetri.

parcometro-senza-pos-multa-annullata

Parchimetro senza pos: la multa è valida?

Nel momento in cui un’automobilista viene multato perché non avendo spiccioli e non avendo trova nessun parchimetro in grado di accettare la carta di credito o il bancomat e quindi non ha avuto la possibilità di poter pagare il parcheggio, può far ricorso al giudice di pace.

Infatti già alcuni giudici hanno sentenziato sulla questione e le prime sentenze hanno ritenuto illegittima la contravvenzione. Come ad esempio il giudice di Pace di Civitavecchia, quello di Fondi e di Firenze. Secondo l’interpretazione dei magistrati dopo, la modifica introdotta con la legge di Stabilità 2016, è necessario che i dispositivi di controllo del parcheggio, sulle aree di sosta a pagamento, siano attrezzati in modo da accettare anche le carte di credito o di debito (bancomat), a meno che il Comune non dimostri «l’oggettiva impossibilità tecnica».

Parchimetro senza pos: la decisione del Giudice di Pace

Su questa linea è anche il giudice di pace di Prato che annulla la multa all’auto sulle strisce blu se manca un metodo di pagamento tramite Pos e il Comune non dimostra quali sono le ragioni tecniche che gli impediscono di installare nei parcheggi gli strumenti di pagamento con modalità elettroniche.  Quindi se il Comune non prova l’effettivo impedimento tecnico per l’installazione, il verbale va annullato. Peraltro i problemi di “organizzazione amministrativa” nella sostituzione dei dispositivi e della relativa omologazione sono argomentazioni che non integrano la prova liberatoria richiesta dalla legge.

Cosa conviene fare in caso di multa senza pos?

Quindi, oltre al mancato funzionamento del parchimetro, oltre all’eccessiva distanza del successivo parchimetro funzionante, da oggi si aggiunge anche il caso del parchimetro non attrezzato al pagamento con bancomat o carte di credito, per richiedere l’allungamento della contravvenzione.


Potrebbe interessarti: Fisco e cartelle esattoriali: dal 1° maggio 2021 in partenza 15 milioni di atti, riprendono anche i pignoramenti

Ma c’è chi sostiene che, senza Pos, la multa è ugualmente valida in quanto la modifica legislativa necessita dei consueti “decreti attuativi” che, ancora non sono stati emanati. Ciò che consigliamo prima di intraprendere un ricorso è valutare i pro e contro, visto che la multa per sosta senza ticket è solo di 41 euro e, se pagata nei primi 5 giorni, è ridotta anche del 30%, mentre un ricorso al giudice è molto più costoso.

Come parcheggiare gratis quando ci sono strisce blu