Sventata da una vecchietta la “truffa del pianto”

-
28/10/2019

Un’altra tentata truffa ai danni di persone anziane, questa volta una signora, ma non ci è cascata.

Sventata da una vecchietta la “truffa del pianto”

Siamo alle solite, sempre il solito trucco, i malviventi che chiamano a telefono persone anziane facendogli credere che un parente è in difficoltà e chiedono soldi, questa truffa addirittura hanno escogitato un pianto dell’eventuale vittima che piangeva per telefono, ma la donna anziana non ci è cascata.

Truffa sventata: vediamo esattamente cosa è accaduto e dove

Siamo a Parma, zona piazzale Maestri, un altro tentativo di furto ai danni di una donna anziana che però questa volta non abbocca. I truffatori hanno telefonato a casa della donna e dopo essersi presentati come carabinieri, hanno attaccato con la solita storia, la figlia aveva causato un incidente in cui erano rimaste ferite due persone.

Al peggio della vigliaccheria non c’è mai fine, hanno detto che la figlia era in caserma con loro, e per dar forza alla loro richiesta economica, 50mila euro, hanno inscenato addirittura un pianto di donna facendo credere che era la figlia, per convincere la povera anziana a cedere.

All’inizio la donna si è un pò spaventata ma non solo non ci è cascata, ma ha subito chiamato i carabinieri per denunciare l’accaduto e non solo, raccontando l’accaduto ad una vicina, il tutto è stato messo subito sui social invitando tutti quelli del quartiere e non, di fare molta attenzione.

Le indagini da parte dei carabinieri sono subito scattati, e il consiglio del capitano del corpo dei carabinieri è quello di fare molta attenzione, ultimamente di queste truffe in giro c’è ne sono tante.

In questi casi, come è successo a questa signora anziana, e non farsi prendere dal panico e rimanere quanto più possibile lucidi. Inoltre, bisogna fare molta attenzione a non fornire i propri dati personali e tanto meno somme di danaro a sconosciuti.

Un altro consiglio del capitano è che se si vedono sconosciuti alla porta di non aprirli e chiamare le forze dell’ordine, stessa cosa vale quando gli sconosciuti si presentano a telefono con richieste di danaro.

Attenzione alla truffa sul reddito di cittadinanza: arriva tramite un SMS di Poste Italiane