Tassa sui morti: a chi affidare la vestizione del caro defunto e quanto costa?

-
30/07/2018

Tassa sui morti? La vestizione del proprio caro a chi bisogna affidarla? Cosa succede su e giù per Italia? In attesa di una legge quadro.

Tassa sui morti: a chi affidare la vestizione del caro defunto e quanto costa?

La vestizione dei morti nella maggioranza dei casi ormai spetta all’imprese funebri ma ogni regione ha un proprio regolamento a riguardo.  Ci sono degli ospedali, in genere i più grossi, che hanno il personale specifico e fanno loro, tipo a Roma, o fino a qualche tempo fa anche in Emilia Romagna.

Di certo è che morire Italia è differente in base alla regione o territorio.

Ogni cambiamento di qualsiasi natura sia provoca delle reazioni. Lo è stato pare  anche in Emilia Romagna  dove fino a qualche tempo fa il servizio di vestizione del defunto era in carico del personale delle aziende sanitarie mentre ora sarà espletato dalla pompe funebri e quindi a carico del cittadino.

Morire costa e varia in base al luogo

In una era in cui si parla di comunità europea si può ancora pensare a differenziare un servizio a cui tutti inevitabilmente devono  farne uso?

Ci fu la proposta di disciplinare le attività funerarie e riorganizzare il settore dei funerali. Ma la legge sarebbe momentaneamente “morta” ma si spera venga “riesumata” dall’attuale governo.

La proposta di  legge ha lo scopo di disciplinare il complesso dei servizi e delle funzioni in ambito funebre, cimiteriale e di polizia mortuaria, con la finalità di tutelare l’interesse degli utenti dei servizi e di uniformare le attività pubbliche e gestionali a principi di evidenza scientifica, efficienza, economicità ed efficacia delle prestazioni.

Non ci resta che…

Vivere il più possibile ma non dipende da noi! Auspichiamoci in attesa di una legge quadro, magari di non morire in ospedale e approfittare di qualche offerta simpatica e scaramantica: “Paga oggi e muori quando vuoi!”. funerale anticipato