I tre cibi che portano al cancro

E’ stato accertato dagli studiosi mondiali che tre alimenti in particolare portano il cancro, ecco quali.

I tre cibi che portano il cancro, molti gli studi a livello mondiale che hanno affermato la correlazione tra tre alimenti e il cancro. Al primo posto l’alimento più pericoloso è lo zucchero bianco; al secondo posto ci sono gli insaccati, soprattutto il prosciutto cotto, al terzo posto le carni rosse.

Poi la lista continua ed è anche molto lunga. A evidenziare gli studi degli alimenti pericolosi è il giornale nazionale da Franco Berrino, epidemiologo, dal 1975 allo IEO di Milano ed autore di studi internazionali di grandissima rilevanza sulla prevenzione del cancro attraverso il cibo.

Alla richiesta cosa mangiare è stato risposto così

“Nulla di morto. E dunque cereali integrali, legumi, frutta e verdura. Variando moltissimo tra questi, perché ogni alimento ha la sua specificità nutritiva”, ha rilevato Berrino, che ha suggerito un’altra prassi preventiva: il digiuno. “Che si può praticare in varie modalità. Per 16-18 ore, cioè saltando la cena. Per 24 ore. Per 36. O per 2/3 giorni non consecutivi alla settimana. Il cosiddetto digiuno intermittente”.

Questo ci porta ancora una volta a riflettere su cosa mangiamo e come mangiamo, non sono solo i fattori genetici, una dieta sana ed equilibrata a breve e soprattutto a lungo termine può portare effetti benefici per la nostra salute e ridurre notevolmente il rischio di malattie anche gravi.

Cancro: i 9 alimenti da evitare in assoluto

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”