Troppi powerbank nel bagaglio aereo, come portarli con sé in vacanza?

-
01/09/2019

Come portare in viaggio i nostri cari e amati powerbank? Bisogna sapere che non sono proibiti sull’aereo ma bisogna seguire delle accortezze.

Troppi powerbank nel bagaglio aereo, come portarli con sé in vacanza?

Sono molti gli oggetti pericolosi che non possono essere portati in aereo. Alcuni di questi, però, possono essere trasportati con noi nel nostro bagaglio a mano (o anche detto da cabina). Al contrario, altri oggetti contundenti possono essere trasportati soltanto se caricati in stiva. I powerbank non sembrerebbero pericolosi a prima vista, eppure, come tutti i dispositivi alimentati a batteria, potrebbero diventarlo durante il volo. Eppure, giusto o sbagliato che sia, portare con sé questi dispositivi non è proibito, perlomeno non del tutto.

Powerbank in viaggio

Essendo tornata da poco da una breve vacanza all’estero, ho pensato che quest’articolo potesse essere utile a molti viaggiatori. Possedendo un telefono penoso la cui batteria dura sì e no 3 ore senza utilizzarlo, mi sono resa conto che portare con me in viaggio almeno un powerbank fosse fondamentale. Per chi, infatti, progetta di trascorrere lunghe giornate fuori casa o per chi pensa di utilizzare molto il proprio telefono per fare foto e video o per orientarsi tra le zone da visitare o, ancora, per tenersi in contatto con i propri cari o per emergenze, portare con sé in valigia un powerbank sembrerebbe fondamentale. Certamente non è un oggetto vitale e sconsiglio di metterlo in valigia a chi ha un buon telefono con una batteria decente e non ne ha particolarmente bisogno. E vi spiego perché.


Leggi anche: Bonus collaboratori sportivi 2021, pagamenti e indennità in arrivo: cos’è e come funziona

Da qualche anno a questa parte, alcuni dispositivi alimentati a batterie hanno preso fuoco durante il volo. Ad alta quota, infatti, questi oggetti possono diventare delle vere e proprie piccole bombe. E’ per questo motivo che molte compagnie aeree hanno iniziato a prendere delle misure ancora più stringenti per quanto riguarda questi dispositivi. I powerbank, ad esempio, non sono del tutto proibiti: è fondamentale, infatti, che non superino un valore in di 160 wattora (Wh) e che siano trasportati nel bagaglio a mano. Inoltre, ai controlli prima di partire bisogna essere pronti a mostrare il dispositivo se richiesto. Un consiglio utile è quello di proteggere powerbank o dispositivi simili per evitare eventuali cortocircuiti. Basterà isolare i terminali con del nastro adesivo o semplicemente inserire ogni batteria in un singolo sacchetto di plastica ermetico.

Ti potrebbe interessare anche: Bagaglio a mano e secondo bagaglio Ryanair: le novità da luglio 2019