Tv dei vicini ad alto volume: commettono reato?

Cosa fare se i vicini tengono il volume della televisione troppo alto? Ecco i diversi casi.

Cosa accade se il vicino di casa tiene il volume della televisione troppo alto fino a tarda sera impedendoti di dormire? Commette qualche reato? Poi denunciarlo per disturbo della quiete pubblica?

A rispondere a questa domanda è intervenuta la Corte di Cassazione  che ricorda che affinchè si configuri il reato di disturbo della quiete pubblica le emissioni sonore deveno essere tali da portare dsturbo ad un elevato numero di persone e non soltanto ad uno o due condomini.

Il concetto di disturbo vietato dalla legge è quello superiore alla tollerabilità normale che va, in ogni modo, valutata caso per caso. Facciamo un esempio: un rumore che a mezzogiorno non è molesto lo può essere magari alle 2 del mattino. Ma per configurarsi il reato il rumore deve essere tale da colpire un numero indeterminato di persone e non soltanto coloro che abitano negli appartamenti a fianco.

Il penale, quindi, scatta soltanto quando il volume della tv disturba diversi condomini e non solo quello che vive a fianco al molestatore.

Televisione troppo alta cosa fare?

Se a subire il danno della televisione troppo alta sono soltanto coloro che abitano negli appartamenti adiacenti si configura un illecito civile e si può avere diritto ad un risarcimento danno e ad una condanna ad abbassare il volume dell’apparecchio nelle ore serali. Il giudice, inoltre, potrebbe condannare il molestatore a dover versare anche una somma in denaro per ogni fiorno in cui violerà il contenuto della sentenza (tenendo il volume troppo alto).

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.