Ufo: ci sarebbero prove fisiche della loro esistenza

-
06/10/2019

Ci sarebbero prove fisiche dell’esistenza degli UFO secondo quanto dichiarato dall’ex funzionario del Pentagono Luis Elizondo

Ufo: ci sarebbero prove fisiche della loro esistenza

Il mese scorso la marina americana per la 1 ° volta nella sua storia ha riconosciuto che i 3 video di UFO rilasciati dall’ex cantante dei Blink-182 Tom DeLounge e pubblicati dal New York Times sono realmente di oggetti volanti non identificati. Il portavoce della Marina Joseph Gradisher ha dichiarato di aver utilizzato la terminologia “Fenomeni aerei non identificati” trattandosi di avvistamenti di oggetti non autorizzati e non identificati che sono stati osservati entrare nello spazio aereo controllato dai militari. Ovviamente la notizia ha suscitato grande sorpresa in tutto il mondo con i media internazionali che hanno parlato a lungo di queste dichiarazioni.

Un ex funzionario del Pentagono sostiene di avere prove fisiche dell’esistenza degli UFO

Un ex funzionario del Pentagono, Luis Elizondo, che ora lavora per un’organizzazione investigativa sugli UFO, ha affermato nelle scorse ore che la sua organizzazione nell’ultimo anno e mezzo ha ottenuto materiale reale e prove fisiche dell’esistenza di UFO. Il gruppo attualmente sta esaminando il materiale ottenuto.

In particolare vengono esaminate le proprietà fisiche, chimiche e atomiche delle sostanze rinvenute. Quando il lavoro sarà completo, gli esperti saranno in grado di dire con precisione di cosa si tratta.

Elizondo ha affermato che tutto il materiale su cui la sua Accademia sta effettuando la ricerca passerà attraverso il processo scientifico e sarà sicuramente valutato anche da vari scienziati anche al di fuori dalla sua organizzazione.


Leggi anche: Dichiarazione dei redditi 2021 e invio all’Agenzia delle Entrate: le scadenze, quando si fa e chi deve farla

“Davvero, a quel punto saremo in grado di fare una sorta di conclusione definitiva”, ha detto. DeLounge è co-fondatore della “To The Stars Academy”. I video “FLIR1”, “Gimbal” e “GoFast” sono stati originariamente pubblicati sul New York Times e “To The Stars Academy of Arts & Science”.

Ti potrebbe interessare: Gli Ufo esistono: la Marina americana conferma l’indiscrezione