Ultimi sondaggi politici elettorali: Lega in calo, piace molto il movimento delle sardine

-
13/12/2019

Sondaggi politici elettorali Index per Piazzapulita La7 del 12 dicembre 2019. Nelle intenzioni di voto, Lega in calo. ma non ne approfittano PD e M5S. Le sardine di piazza sono molto apprezzate, spaccatura negli elettori del M5S sull’idea di continuare l’alleanza di Governo con il Partito Demoratico, fino al termine della legislatura.

Ultimi sondaggi politici elettorali: Lega in calo, piace molto il movimento delle sardine

Nel corso della puntata del programma Piazzapulita andato in onda giovedì sera 12 dicembre 2019, come sempre su La7, Corrado Formigli ha reso note le intenzioni di voto Index Research a partiti e coalizioni, se si votasse oggi per le Elezioni Politiche. Ma altri quesiti ricevono risposte interessanti: il movimento delle sardine è apprezzato “molto o abbastanza” dal 41,8% degli italiani. Il 50,6% degli elettori del M5S crede che il Governo, quindi l’alleanza a livello nazionale con il PD, debba proseguire fino al 2023. E’ contrario il 34,7%, non sa o non risponde il 14,7%.

Le intenzioni di voto

La Lega resta saldamente la prima forza politica in Italia con il 32,2% dei consensi, ma registra un calo di mezzo punto rispetto alla settimana scorsa. Il PD al 19,2% sale di appena lo 0,1%. Stabile il Movimento 5 Stelle al 16,2%, così come Fratelli d’Italia al 9,8%, mentre Forza Italia si porta al 6,7% (+0.1%). Perde il partito di Renzi, Italia Viva passa dal 4,9% al 4,6%. Più Europa all’1,5% perde un decimale, lo stesso che guadagnano i Verdi che salgono all’1,9%. Altri di Sinistra al 2,8% (+0.2%), Cambiamo di Toti 1,1% e Azione di Calenda 1,8% fanno registrare un lieve rialzo, rispettivamente dello 0,1% e 0,2%, ma la cosa non può soddisfarli, visto i valori assoluti dei consensi davvero deludenti. Altri partiti 2,2%, indecisi/non voto 37,9%.

Sul versante coalizioni, quella Giallorossa di Governo composta da M5S, PD, Italia Viva e Sinistra, è stabile al 42,8%. Il Centrodestra composto da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, scende dello 0,4% attestandosi al 48,7%, paga il calo della Lega. Altri 8,5% (+0.4%).


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Il consenso ai leader politici

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, raggiunge Salvini nel consenso con il 38%, colmato il gap di 2 punti. Giorgia Meloni al 30%, sale di 1 punto, così come Nicola Zingaretti sale al 24%. In calo Di Maio che perde 1 punto e scende al 17%, stabile Silvio Berlusconi al 16%, perde un punto Matteo Renzi che scende al 13%.

In conclusione

Il consenso ai leader politici riflette perfettamente il trend o quasi dei relativi partiti. I dati più rilevanti di questa settimana, che comunque non cambiano lo scenario politico, sono rappresentati dal calo della Lega e di conseguenza della popolarità del suo leader Salvini che finisce ancora sotto indagine, stavolta per i voli di Stato. Dal calo di Italia Viva e quindi di Renzi, il cui attacco alla magistratura in seguito al caso dell’acquisto della sua casa e della Fondazione Open, per non parlare del caso “Formigli”, non lo aiutano certamente. Se il M5S tiene, non altrettanto succede al suo leader Di Maio che sembra continuare a perdere il controllo del Movimento, troppi dissensi al suo interno che ha visto perdere 3 senatori passati alla Lega.