Vaccini, sull’obbligo il Parlamento pronto a fare un passo indietro

-
06/09/2018

Novità riguardo la questione vaccini per i bambini delle scuole materne e degli asili nido. Ecco come è cambiata la situazione.

Vaccini, sull’obbligo il Parlamento pronto a fare un passo indietro

Grande dibattito ancora per quanto riguarda la vaccinazione obbligatoria per tutti i bambini che devono frequentare gli asili oppure gli asili nido. I presidi chiedono l’obbligo di presentazione della documentazione dell’avvenuta vaccinazione. Senza il certificato i bambini non devono entrare a scuola.

Leggi anche:
Vaccini: ecco cos’è previsto per il 2018-2019

Vaccini: rinviare le vaccinazioni sarebbe una follia

I medici, insieme a diverse società scientifiche, hanno dichiarato che rinviare l’ordino della vaccinazione obbligatoria sarebbe una vera e propria follia.

Sembra che, per le scuole, l’autocertificazione fatta dai genitori riguardo i vaccini dei propri figli non basti. Quindi in Parlamento spunta un emendamento che marca una retromarcia per la maggioranza giallo-verde. Viene abolita la proroga di un anno dell’obbligo vaccinale. Di conseguenza entra in gioco il decreto Lorenzin, che prevede l’obbligo dei vaccini e l’obbligo di portare a scuola la documentazione dell’avvenuta vaccinazione.

l'anno scolastico 2018-2019Come sarà il prossimo anno scolastico?

Per quanto riguarda i bambini che non sono stati vaccinati, all’inizio delle scuole materne o degli asili nidi, sarà un po’ complicato. Nelle regioni in cui l’anno scolastico è già iniziato, ci sono già state alcune sospensioni. A Bologna sono stati sospesi ben 90 bambini dalle scuole materne e 46 bambini dagli asili nido, poiché non risultavano in regola con le vaccinazioni.

Una situazione un po’ anomala si è registrata invece a Reggio Emilia: 77 bambini, nonostante non avessero la certificazione dell’avvenuta vaccinazione, sono state ammessi negli asili nido.

Antonello Giannelli dichiara: “Va ritirato l’emendamento che rinvia l’applicazione dell’esclusione della frequenza per i bambini non vaccinati: se passa, abbiamo per questo anno scolastico un rischio di insicurezza per la salute”. Per le scuole rimane comunque valida la legge Lorenzin riguardo l’obbligo della vaccinazione. Tutti i bambini non vaccinati non possono entrare alle scuole materne o negli asili nido, fin quando non potranno presentare la documentazione richiesta.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Ecco cosa dice il Parlamento:

Si è creato un vero e proprio caos per quanto riguarda la vaccinazione obbligatoria dei bambini che devono iniziare l’anno scolastico 2018-2019. Nonostante esista una proroga di un anno stabilita dal decreto Lorenzin, le scuole sono quelle che dicono l’ultima parola.