Volkswagen: i modelli Tiguan, Golf, Passat e Arteon, problemi ai freni, guida non sicura

La Volkswagen, di nuovo nell’occhio del ciclone, seri problemi sui modelli Arteon, Golf, Passat e Tiguan, segnalati direttamente da Germania e Irlanda. Il difetto, potrebbe potenzialmente creare “situazioni di guida non sicure”.

L’avviso è stato inserito nel bollettino del 16 marzo del Rapex, il sistema europeo di allerta rapida per i prodotti di consumo non alimentari (Report 9, N. 11 A12/0388/18).

La segnalazione presentata dalla Germania alla Commissione Europea sui richiami dei prodotti difettosi che riguarda la casa automobilistica tedesca Volkswagem, interessa le unità Arteon, Golf, Passat e Tiguan con omologazione e1 * 2001/116 * 0307 *, e1 * 2007/46 * 1725 *, e1 * 2001/116 * 0450 *, e1 * 2007/46 * 0623 *, e1 * 2007 / 46 * 0627 * Tipi: 3C, 3H, 5N, AU, AUV prodotte tra il 19 gennaio 2018 e il 14 febbraio 2018.

Per queste autovetture è stato evidenziato il rischio di lesioni dovuto a: “I dischi dei freni sull’asse anteriore sono troppo deboli. Di conseguenza, se sottoposto a pressione estrema, il disco del freno può addirittura rompersi, compromettendo le prestazioni di frenata”.

Nel comunicato Rapex si legge: “questo potrebbe mettere in pericolo altri utenti della strada e pertanto non si possono escludere condizioni di guida non sicure“.

Le misure adottate dagli operatori economici, sono il richiamo del prodotto da parte degli utenti finali.

Leggi anche: Allarme auto Fiat 500L, rischio incendio

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”