Vuoi laurearti? Secondo la leggenda non visitare la Cappella Sansevero a Napoli

-
22/08/2018

Secondo una leggenda napoletana chiunque voglia laurearsi non deve far visita alla Cappella Sansevero, altrimenti non arriverebbe al desiderato traguardo.

Vuoi laurearti? Secondo la leggenda non visitare la Cappella Sansevero a Napoli

Scaramantici o meno, tutti nella nostra stanza prima di un esame all’università abbiamo i nostri riti, le nostre preghiere, i nostri “io prometto che”, i nostri dubbi, insomma. Questo è il caso della Cappella Sansevero di Napoli (quella che possiede la bellissima statua del Cristo Velato) che da tantissimi anni è protagonista di una leggenda assurda e curiosa legata appunto al mondo dell’Università. Inizialmente, questa leggenda era legata alle università napoletane, ma poi si è diffuso in tutto il mondo accademico d’Italia. Nonostante sia di vecchia data la leggenda, ci sono ancora molti studenti universitari che ci credono.

La leggenda della Cappella Sansevero

La leggenda affonda le sue radici nella facoltà di medicina dell’Università Federico II. In pratica era sconsigliato recarsi prima di qualche esame di medicina alla Cappella Sansevero, ed in particolare soffermarsi sulle macchine anatomiche. Questo perché avrebbe potuto mandare in confusione chi le osservasse e di conseguenza riempirlo di dubbi e non sentirsi più pronti ad affrontare l’esame. La leggenda pian piano ha toccato tutte le università napoletane, a tutte le facoltà ed infine tutta l’Italia.

macchine4-375×375macchine-anatomiche-cappella-sansevero


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Se poi avete conseguito la laurea…

Se siete riusciti a laurearvi in medicina, dopo tanti anni e tanto sudore, e, soprattutto, dopo aver fatto bene di non esservi recati alla Cappella, c’è un altro rito da osservare rigorosamente. Il neolaureato in medicina ogni 3 ottobre deve recarsi all’interno della Cappella con la prima pagina del capitolo sul sistema cardiocircolatorio del libro di anatomia. Solo facendo così il futuro medico sarà protetto dal principe fondatore della Cappella. Perché il 3 ottobre? Perché questa è la data che coincide con le antiche feste dedicate al dio greco della medicina, Esculapio.