Whatsapp vietato agli under 16: ecco l’ipotesi

-
17/04/2018

Whatsapp a partire dal 25 maggio potrebbe essere vietato ai minori di 16 anni.

Whatsapp vietato agli under 16: ecco l’ipotesi

A partire dal prossimo 25 maggio l’utilizzo di Whatsapp potrebbe richiedere che l’età di chi usa l’app sia di almeno 16 anni. Whatsapp, quindi, per rispettare le nuove condizioni di utilizzo potrebbe diventare vietata ai minori di 16 anni, l’ipotesi è stata rilasciata dal sito Hi tech WABetaInfo che ricorda, tra l’altro, che attualmente l’età minima è di 13 anni.

Whatsapp è sicuramente l’app più utilizzata dai giovani e ad utilizzarla sono anche i minori di 16 anni che non reagiranno molto bene  alla novità. Il punto al momento appare abbastanza oscure poichè l’articolo 8 del Gdpr prevede la soglia dei 16 anni per l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori”. Se ha meno di 16 anni tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale”. Questo potrebbe, quindi, significare solo alzare la soglia in blocco a tutti i Paesi UE per mettere in campo le soluzioni legate al controllo da parte dei genitori all’utilizzo dell’app.

Molti, però, in queste ore, stanno dimenticando che lo stesso articolo recita che “gli Stati membri possono stabilire per legge un’età inferiore a tali fini purché non inferiore ai 13 anni”. I singoli Paesi, quindi, potrebbero anche lasciare tutto come è adesso, lasciando l’età limite a 13 anni.


Leggi anche: Whatsapp torna a pagamento: bufala o verità?

Se anche l’età limite fosse portata a 16 anni tutti gli adolescenti che utilizzano Whatsapp alla peggio, a partire dal 26 maggio avranno bisogno dell’autorizzazione dei genitori.