Novità acquisto auto con legge 104, prevista la retroattività: chiarimenti dell’AdE

Chiarimenti dell’AdE sull’acquisto auto disabili con legge 104, valida la certificazione retroattiva per le agevolazioni fiscali, tutte le novità.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce in materia di acquisto auto quali sono le agevolazioni disabili con legge 104 e la validità della certificazione da esibire al momento dell’acquisto, valida anche se retroattiva. Analizziamo le ultime novità in merito in base alle nuove disposizioni intervenute nell’interpella n. 533 del 20 dicembre 2019 dell’Agenzia delle entrate.

Acquisto auto: certificazione disabilità con validità retroattiva

L’AdE nell’interpello numero 533 del 20 dicembre specifica le agevolazioni fiscali per il settore auto confermando la detrazione Irpef del 19% su un valore complessivo di euro 18.075,99; Iva agevolata al 4% invece del 22%; esenzione iscrizione al P.R.A ed esenzione bollo auto.

Sull’acquisto auto con l’applicazione dell’Iva ridotta la circolare numero 46/E del 2011 chiarisce, come già sostenuto dalla circolare n. 197/E del 31 luglio 1998, in riferimento all’ipotesi di disabilità ridotte o impedita capacità motori permanenti, anche in questo caso i soggetti con disabilità psichica, devono esibire la certificazione di disabilità al venditore al momento dell’acquisto dell’auto.

Nel caso in cui la certificazione non viene esibita al momento dell’acquisto e quindi il venditore applica l’Iva al 22% , anche se riconosciuti in seguito, va applicata l’Iva agevolata al 4%.

Ne consegue, che qualora il venditore abbia applicato all’acquisto dell’auto l’iva del 22% in quanto l’acquirente non ha presentato la certificazione all’atto dell’acquisto; l’acquirente può presentare la documentazione anche in via retroattiva entro un anno dell’effettuazione dell’operazione e il venditore dovrà emettere una nota di variazione in diminuzione.

Nello specifico si legge alla fine della risoluzione che l’acquirente deve avvisare il venditore che ha: “che ha avviato il procedimento ma non dispone ancora della documentazione necessaria per beneficiare dell’agevolazione per circostanze che esulano dalla propria sfera di iniziativa e controllo”.

E’ possibile leggere qui l’interpello dell’AdE: Risposta n. 533 del 2019


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”