Novità bollette acqua, Conto corrente, Bollo auto, WhatsApp, Concorsi, Busta paga e bonus 80 euro, Bonus cassaforte, Rendita catastale

Rassegna su: Bollette acqua, Conto corrente, Bollo auto, WhatsApp, Concorsi, Busta paga e bonus 80 euro, Bonus cassaforte, Rendita catastale, tutte le novità.

Rassegna di oggi 8 gennaio 2020, su: Bollette acqua; Conto corrente; WhatsApp e licenziamenti; Aumenti Busta paga e bonus Renzi di 80 euro; Bollo auto e sconti del 50%; Bonus cassaforte; Rendita catastale e controlli comunali; Speciale lavoro e concorsi; tutte le novità della giornata.

Morosi delle bollette acqua, novità nel 2020

Dal 1° gennaio 2020 i morosi delle bollette dell’acqua subiranno un’interruzione del servizio idrico. La direttiva è stata emanata dall’Arera e contiene nuove modalità per la gestione del servizio idrico integrato per pagamenti e morosità degli utenti. Interessate alla nuova direttiva anche i condomini e gli enti pubblici.

Leggi qui la notizia completa: Bollette acqua: brutta sorpresa per chi è moroso, la legge chiude i rubinetti dal 1° gennaio 2020

Conto corrente: può essere visionato dall’ex coniuge

L’Ex coniuge in via di separazione e divorzio può accedere al conto corrente dell’altro coniuge senza limitazioni o autorizzazione del giudice del processo civile. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato con due sentenze n. 5344 e 5347, emesse nel 2019. I giudici hanno stabilito il pieno diritto del coniuge a visionare i conti bancari dell’ex coniuge, facendolo rientrare di diritto a tutela delle parti deboli nel processo della famiglia.

Per approfondimenti: Conto corrente: l’ex coniuge può accedere ai conti anche se non cointestati

WhatsApp non si tocca

Chat di WhatsApp molto usata nei luoghi di lavoro tra colleghi per parlare male del capo, ma cosa succede se il capo se ne accorge? Si rischia il licenziamento? Ebbene, una recente sentenza del Tribunale di Firenze del 16 ottobre 2019 è intervenuta in merito e ha chiarito una volta per tutte, quanto incidono le chat private fra colleghi.

Leggi qui la notizia completa: WhatsApp non si tocca, la chat privata non è motivo di licenziamento

Busta paga aumenti e cambiamenti per il bonus 80 euro

La busta paga potrebbe subire dei cambiamenti significativi, dal taglio del cuneo fiscale al Bonus di 80 euro. Iniziamo nel chiarire che al momento, manca il decreto attuativo sul taglio del cuneo fiscale, che sostanzialmente dovrebbe prendere vita verso gli inizi del mese di febbraio 2020.

Leggi qui tutte le novità: Busta paga, aumenti da luglio 2020, cambia anche il bonus di 80 euro

Bollo auto con sconto del 50% 

Dal 1° gennaio 2020, il pagamento del bollo auto diventa automatizzato. Si tratta di un cambiamento di rotta che investe milioni di automobilisti, che ogni anno puntualmente sono alle prese con la tassa (forse) più detestata dagli italiani. Resta il fatto che dal 2020 cambia la procedura relativa al pagamento della tassa automobilistica, dovrà essere versata attraverso il sistema PagoPa dell’Agenzia delle Entrate. Ora, tutto sommato per l’automobilista cambia ben poco, eccetto la possibilità di ottenere uno sconto maggiore su determinate vetture.

Leggi qui tutte le novità: Bollo auto: sconto del 50% e nuovi metodi di pagamento, le ultime novità

Bonus cassaforte: ecco di cosa si tratta

Per gli interventi che richiedono l’inserimento di: cassaforte, porte blindate e serrature è possibile ottenere una detrazione del 50% sul totale della spesa. In sostanza, si applica il Bonus Ristrutturazione 2020, il quale, contiene anche le opere che garantiscono una maggiore sicurezza sia sotto il profilo strettamente materiale che può riguardare i gioielli, soldi e così via, che nel preservare l’incolumità della propria famiglia.

Per approfondire l’argomento leggi qui: Bonus cassaforte, porte blindate e serrature, detrazione fiscale del 50%

Rendita catastale e controlli del Comune

Rendita catastale e imposizione del pagamento tributi imposto dai Comuni, è questa la questione portata alla luce tramite una recente sentenza del Ctr Lombardia numero 2985/23/2019, la quale afferma che l’Agenzia del Territorio deve determinare in via definitiva la rendita catastale dell’immobile. I Comuni devono chiedere il pagamento dei tributi in base alla determinazione dei valori effettuati dall’Agenzia del Territorio e non in base alla dichiarazione inviata dai i proprietari degli immobili.

Leggi qui la notizia completa: Rendita catastale immobili e controlli dell’Agenzia, la sentenza

Speciale lavoro e concorsi

Le nuove offerte di lavoro di oggi e i concorsi in scadenza:


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”