Novità busta paga: dal 1° luglio trattamento integrativo 600 euro per il 2020 e 1.200 per il 2021

Novità busta paga dal 1° luglio: sarà corrisposto un trattamento integrativo che per il 2020 sarà di 600 euro e per il 2021 arriverà fino a 1.200 euro. Ecco i codici da utilizzare per la compensazione.

Novità busta paga dal 1° luglio che consiste in somme integrative da corrispondere ai dipendenti. La risoluzione dell’Agenzia delle Entrate numero 35/E del 26 giugno 2020 stabilisce i codici da utilizzare per gli importi a credito  a cura del datore di lavoro. Il trattamento integrativo è riconosciuto ai lavoratori dipendenti e assimilati, consiste in una somma che non concorre alla formazione del reddito ed è così ripartita: nel 2020 sarà corrisposto un importo pari a 600 euro; per il 2021 l’importo corrisposto sarà di euro 1.200. Le somme saranno corrisposte sulle retribuzioni erogate a partire da 1° luglio 2020.

Novità busta paga: i codici F24 a cura del datore di lavoro

Per recuperare l’importo versato ai dipendenti il datore di lavoro deve operare la compensazione come credito d’imposta nel modello F24 e per farlo deve utilizzare dei codici ad hoc stabiliti dall’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 35/E del 26 giugno 2020. I codici sono:

  • 1701” denominato “Credito maturato dai sostituti d’imposta per l’erogazione del trattamento integrativo – articolo 1, comma 4, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3.

Il codice in sede di compilazione del modello F24 dovrà essere inserito nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”.

Indicare l’anno di riferimento e mese nei formati “00MM” e “AAAA”.

Modello F24 EP “enti pubblici”

  • 170E” denominato “Credito maturato dai sostituti d’imposta per l’erogazione del trattamento integrativo – articolo 1, comma 4, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3”.

Il codice in sede di compilazione del modello F24 dovrà essere inserito nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”.

Indicare nel campo A il mese nel formato “00MM” nel campo B l’anno di riferimento nel formato “AAAA”.

Il modello F24 e F24 EP con l’utilizzo di importi a compensazione, va presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate: Fisconline o Entratel, pena il rifiuto della compensazione. Inoltre, l’utilizzo della compensazione del credito d’imposta per il trattamento integrativo in busta paga per i lavoratori dipendenti e assimilati non deve essere preceduto della dichiarazione di utilizzo credito all’Agenzia delle entrate.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”