Novità detrazioni e contanti, Riforma pensioni, Bonus Renzi, Bollette, TFS anticipo, Naspi

Rassegna su: Detrazioni e contanti, Scontrini telematici; Bonus Renzi, Busta paga; Bollette; Anticipo TFS; Riforma pensioni; Naspi e Dis Col…

Rassegna di oggi lunedì 3 febbraio 2020, su: Detrazioni e pagamento in contanti con scontrini telematici; Bonus Renzi e busta paga; Bollette pagate quanto tempo bisogna conservarle; Anticipo TFS e le proteste dei lavoratori; Riforma pensioni con 60 anni di età e i contributi maturati secondo la volontà dei lavoratori; Naspi e Dis Col; Novità sui monopattini elettrici; Truffe con i pagamenti tracciabili;  le principali novità della giornata. 

Speciale su detrazioni e pagamento in contanti

Multa per chi paga in contanti

L’emendamento al decreto Milleproroghe dovrebbe introdurre una multa per coloro che effettuano pagamenti in contanti e beneficiano delle detrazioni fiscali. Ricordiamo che la normativa dal 1° gennaio 2020 prevede che per fruire delle detrazioni fiscali bisogna pagare con mezzi tracciabili tranne alcune eccezioni. 

Leggi qui la notizia completa: Detrazioni fiscali: in arrivo la multa per chi paga in contanti, le novità

Scontrino telematico utile per la detrazione

Lo scontrino telematico o fattura telematica devono contenere i seguenti dati: denominazione del cedente o prestatore; data e ora del documento; codice lotteria del cliente; identificativo del punto cassa (in caso di server RT); identificativo o progressivo completo del documento trasmesso; importo del corrispettivo, la modalità di pagamento se in contanti o con strumenti elettronici, indicazione dell’importo non pagato. 

Ma cosa succede se si paga con il bancomat e lo scontrino riporta pagato in contanti? La risposta qui: Scontrino telematico: pagamento con bancomat ma riporta in contanti, per la detrazione cosa portare al CAF?

Riforma pensione a 60 anni di età con i contributi maturati

Dopo il nostro sondaggio sulla riforma pensioni a 60 anni di età e 30 anni di contributi o 60 anni di età con quello che si è maturato, molti i lettori che hanno espresso la loro opinione, evidenziando che 60 anni di età sono giusti e bisogna far spazio ai giovani. L’aspetto previdenziale è un punto cruciale per le finanze dello Stato. Purtroppo, in questi anni di ingiustizie se non sono viste tante; riforme su riforme, che permettono l’accesso al pensionamento a una platea ristretta di lavoratori.

Il punto della situazione, in base ai tanti commenti pervenuti dai nostri lettori, vede giusta un’età pensionabile a 60 anni. I lavoratori sono stanchi di non essere ascoltati, sono stanchi di vedere i loro diritti posizionati dopo i bisogni dei parlamentari.

Leggi qui la notizia completa: Riforma pensioni con 60 anni e i contributi maturati: è giusta per i lavoratori

Bollette per quanti anni si devono conservare?

E’ bene chiarire al riguardo che non deve essere conservata la bolletta (o la fattura se così si vuol chiamare) ma la ricevuta di pagamento della relativa bolletta poichè quest’ultima è sufficiente, in caso di contestazione di pagamento non avvenuto, a dimostrare il contrario. La bolletta in sè, infatti, serve solo al consumatore per accertare i consumi e la spiegazione del dovuto. In ogni caso per capire a quale bolletta la ricevuta si riferisca di solito si spillano i due documenti insieme. Per quanti anni, però, vanno conservate le ricevute di pagamento e per quale motivo?

Scopriamolo insieme qui: Bollette pagate, per quanto tempo vanno conservate e perchè

Bonus Renzi da 80 a 100 euro in busta paga

Tra le tante novità portare nel 2020 dalla legge di Bilancio una riguarda anche il bonus Renzi di 80 euro in busta paga che dal mese di luglio 2020 dovrebbe cambiare veste e importi. La platea dei beneficiari si allarga coinvolgendo anche i lavoratori dipendenti che percepiscono redditi fino a 35mila euro ma va a coinvolgere anche quelli con redditi fino a 40mila euro. Vediamo le novità: Bonus Renzi da 80 a 100 euro in busta paga: ecco come cambia nel 2020

Busta paga lordo e netto

La busta paga dei lavoratori è sempre un tema molto delicato. Quello che a volte (forse) sfugge è la palese differenza tra il valore a netto e quello a lordo. Una sorta di foce ramificata tra lordo e netto dovuta alle tasse e contributi previdenziali. In generale questo divario è stato il punto di rottura di diverse discussioni, dal un lato i lavoratori che si lamentano di incassare sempre meno. Dall’altra parte i datori di lavoro che sono alle prese continue con nuovi costi aziendali alla voce assunzioni.

Per approfondire leggi: Busta paga lordo e netto: la sforbiciata che taglia lo stipendio

Anticipo TFS: le proteste

Abbiamo racchiuso in quest’articolo tutte le lettere di protesta sull’anticipo TFS bloccato per l’ennesima volta. La delusione dei pensionati  è tanta. In molti speravano nella fattibilità di questa misura prevista con l’ingresso della pensione anticipata Quota 100 nel decreto n. 4/2019.  Tanti i rallentamenti, dovuti anche dal cambio poltrona del Governo per arrivaer all’attuale situazione che trova un freno dal parere del Consiglio di Stato. 

Leggi qui la voce dei dipendenti/pensionati settore pubblico: Anticipo TFS: la delusione è forte, la protesta dei dipendenti pubblici

Naspi e Dis col

Per chi perde involontariamente il proprio lavoro è prevista un’indennità di disoccupazione. Generalmente l’indennità è la Naspi, che riguarda i lavoratori dipendenti. Ma se non si è assunti con un contratto a tempo determinato o indeterminato cosa spetta alla perdita del lavoro? Vediamo i requisiti per Nasp e Dis Coll.

Per approfondire la notizia: Quanto tempo si deve lavorare per aver diritto alla Naspi e alla Dis Coll?

Novità su monopattino elettrico

Il monopattino elettrico è un dispositivo elettronico di trasporto, consente di muoversi in città evitando l’ingorgo di traffico, le abnormi manovre di parcheggio, e così via. Possiamo classificare il monopattino elettrico in 3 parole, quali: ecologico, economico e pratico. Senza tralasciare la parte legata allo svago, dove semplicemente guidi e ti diverti in tutto relax.

Leggi qui la notizia completa: Monopattino elettrico: circolazione, limiti e sanzioni

Truffe sui pagamenti con bancomat

Le carte contactless raggirate dalla semplicità del sistema. In pratica gli utenti vengono fregati senza aprire neanche il portafogli, questa è l’ennesima frutta evidenziata in rete da un video esplicativo che mostra come è facile cadere nel tranello della trappola dei 25 euro prelevati dalla carta contactless. Ma, cosa va storto? Analizziamo i passaggi dei pagamenti con carta di credito o bancomat, scegliamo l’acquisto desiderato, ci accingiamo alla cassa estraiamo la tessera magnetica che l’operatore alle casse inserisce nell’apposito pos.

Leggi qui la notizia completa: Carte contactless: attenti alle truffe in agguato


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”