Novità pensione: Quota 100 e abolizione legge Fornero dal 2019

Riforma pensione Quota 100: requisiti, contributi figurativi, calcolo e convenienza, tutte le ultime novità

La pensione Quota 100, sarà inserita nella legge di Bilancio 2019 e entrerà in vigore a gennaio 2019, anche se non sarà possibile andare in pensione prima di aprile 2019.

Per poter presentare domanda di pensione nel 2019, bisogna attendere che sia pubblicato il decreto attuativo, che illustrerà tutte le modalità di accesso alla misura. I requisit richiesti sono 62 anni di età e 38 anni di contributi, al momento per la domanda bisogna attendere.

Leggi la notizia completa qui: Pensione Quota 100 e TFR statali, cosa cambierà dal 2019?

Pensione Quota 100 e contributi figurativi

I requisiti della nuova misura pensionistica, prevedono la pensione con Quota 100 con 62 anni di età e 38 anni di contributi, saranno ammessi un massimo di 2/3 anni di contributi figurativi. Quindi, chi avrà più anni di contributi figurativi, dati da Naspi, malattia, mobilità, ecc… potrà considerare solo due o tre anni, su questo punto, la misura non è ancora chiara.

Leggi la notizia completa qui: Pensione Quota 100, il servizio militare sarà utile per i 38 anni di contributi?

Pensione Quota 100 e 7 finestre in uscita

Anche se ancora non c’è nulla di certo cominciano ad emergere le prime notizie che riguardano la quota 100 e le finestre di uscita annuali per i lavoratori.

Come già si è detto più di una volta i requisiti richiesti per poter accedere alla nuova misura di pensionamento sono di 62 anni di età minima unitamente ad almeno 38 anni di contributi. I requisiti vanno rispettati entrambi per poter accedere alla quota 100. Non ci saranno penalizzazioni sull’assegno pensionistico ma quello che al momento interessa maggiormente i lavoratori sono le date possibili di uscita dal mondo del lavoro.

4 le finestre di uscita per i lavoratori del settore privato, una ogni 3 mesi.

2 soltanto, invece, quelle previste per i lavoratori del pubblico impiego, una ogni 6 mesi.

Per i lavoratori del comparto scuola resta fissata una finestra di uscita ogni 12 mesi, il 1 settembre di ogni anno.

Leggi anche: Pensione Quota 100 anche per i lavoratori autonomi

Calcolo

La pensione con la Quota 100 senza penalizzazioni, sarà calcolata con lo stesso metodo della pensione anticipata, ed esattamente:

  • calcolo retributivo dal 31 dicembre 2011, dopo con il calcolo contributivo, per chi possiede oltre 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
  • calcolo retributivo sino al 31 dicembre 1995, dopo con il calcolo contributivo, per chi possiede meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
  • integralmente contributivo per chi non possiede contributi al 31 dicembre 1995.

Non perdere: Pensione Quota 100, requisiti e calcolo, tutte le novità dal 2019

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.