Nuovi aiuti alle imprese: proroga di contributi e tasse 2020

In arrivo il nuovo decreto di aprile al vaglio del Consiglio dei ministri. Si discute sul differimento dei pagamenti su contributi e tasse anche per il mese di aprile e maggio 2020.

Attesi nuovi aiuti alle imprese attraverso la proroga dei versamenti dei contributi e tasse riferiti al mese di aprile e maggio. Il nuovo decreto di aprile al vaglio del Consiglio dei ministri verte sull’emanazione di nuove misure a supporto delle famiglie e delle aziende, per fronteggiare le criticità economiche dovute all’epidemia da Covid-19. Nella bozza del decreto legge, è presente il differimento dei versamenti fiscali e contributivi fino alla data del 30 maggio 2020.

Proroga contributi e tasse del periodo di aprile e maggio 2020

I nuovi provvedimenti che a breve saranno annunciati dal Governo, non dovrebbero investire tutti i contribuenti (salvo ulteriori modifiche). Per il momento, nella bozza del dl è presente il credito alle aziende, e l’estensione dei  versamenti relativi a tasse e contributi fino al 30 maggio. Misure dirette al supporto delle aziende che rispondono ai seguenti criteri, quali:

– potranno beneficiare della misura le aziende i cui guadagni o compensi rientrino nella soglia di 50 milioni di euro. Corrispondente al periodo in cui le aziende hanno sopportato la diminuzione delle entrate, ossia dei ricavi pari a circa il 33% riferito a periodo di marzo 2020, in confronto al medesimo mese relativo allo scorso periodo d’imposta. E, per aprile 2020 in confronto al medesimo mese passato del relativo periodo d’imposta.

Tale provvedimento dovrebbero investire anche le partite Iva, ossia le imprese, gli artigiani e i lavoratori autonomi, sempre se in possesso dei criteri indicati innanzi.

Nella bozza del dl aiuti diretti alle imprese

Nella bozza del dl è presente, quindi, il differimento dei versamenti senza l’aggiunta di ulteriori sanzioni e interessi. Secondo la bozza, il pagamento di tasse e contributi viene posticipato al 30 giugno 2020. Le aziende dovranno provvedere ai versamenti fiscali e contributivi in un’unica soluzione. È possibile ottenere un rateizzo dell’importo in un massimo di 5 rate con cadenza mensile del medesimo importo. Sempre nel rispetto della stessa scadenza prevista per il mese di giugno 2020.

Il differimento dei versamenti è atteso a breve, poiché le norme introdotte nel decreto Cura Italia del mese di marzo si riferiscono solo alle scadenze relative al mese in corso e prorogate alla data del 31 maggio 2020. Ultima data per eseguire il versamento od ottenere la rateizzazione del pagamento. Nella bozza del dl è presente un pacchetto di sospensione di versamenti in scadenza nel periodo relativo al mese di aprile e maggio 2020.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein