Obbligo vaccini per frequenza scolastica: quali rischi per i bimbi non vaccinati

La vaccinazione obbligatoria non impedisce al bambino la frequenza della scuola dell’obbligo, ma i genitori sono a rischio sanzioni.

Buongiorno, 

per problemi di allergia non abbiamo mai vaccinato nostro figlio che l’anno prossimo deve iniziare a frequentare la prima elementare. Quest’anno abbiamo avuto problemi con la scuola dell’infanzia che gli ha negato la frequenza scolastica. Cosa accadrà l’anno prossimo se continueremo a non fare i vaccini obbligatori? Il bambino potrà frequentare la scuola o saremo costretti a dargli un’educazione parentale?

La frequenza scolastica per il mancato rispetto dell’obbligo vaccinale viene interdetta solo per bambini con età compresa tra 3 mesi e 6 anni. Viene impedito, quindi, l’accesso all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia ai bambini privi delle vaccinazioni obbligatorie ma per la scuola dell’obbligo, che inizia appunto con la scuola primaria (la scuola elementare) la frequenza non può più essere proibiti poichè andrebbe tale divieto si scontrerebbe con l’obbligatorietà dell’istruzione che in Italia è dai 6 ai 16 anni.

Se decidete, però, di continuare a non vaccinare vostro figlio, pur potendo quest’ultimo dal prossimo anno frequentare la scuola, sarete soggetti a sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro, in base a quante sono state la vaccinazioni saltate. La sanzione, inoltre, non è una tantum ma può essere elevata anche in occasione di successivi richiami.

Per approfondire l’argomento vaccini puoi leggere anche: Bambini non vaccinati: per loro da martedì divieto di accesso a scuola

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.