Obesity Day si farà il 10 ottobre: arriva la Carta dei Diritti

In occasione dell’ObesityDay, ci saranno più di 500 specialisti fra dietologi, nutrizionisti e dietisti, la loro disponibilità sarà presente su tutto il territorio nazionale in 130 centri di dietetica con colloqui gratuiti di informazione, consulenze nutrizionali e valutazioni del grado di sovrappeso. In questa occasione si firmerà un documento che definisce i diritti della persona […]

In occasione dell’ObesityDay, ci saranno più di 500 specialisti fra dietologi, nutrizionisti e dietisti, la loro disponibilità sarà presente su tutto il territorio nazionale in 130 centri di dietetica con colloqui gratuiti di informazione, consulenze nutrizionali e valutazioni del grado di sovrappeso. In questa occasione si firmerà un documento che definisce i diritti della persona con obesità, patologia che provoca una serie di conseguenze cardiovascolari e disagi psicologici anche tra bambini e adolescenti con anche episodi di bullismo, inoltre è stato provato, che l’obesità accorcia la vita di un soggetto almeno di 10 anni.

Ma quale è la situazione in Italia?

La percentuale in Italia di persone in sovrappeso è 1 su 3, obesa 1 su 10, diabetica 1 su 20.

Diciamo che avere qualche chilo in più non è un problema, essere obeso si, è una vera malattia che va contrastata e combattuta fin da piccoli per evitare conseguenze poi.

Negli ultimi 40 anni l’obesità nel mondo è triplicata, ogni anno il 13% è causa di decessi, e in Italia abbiamo 23 milioni di persone over 18 in sovrappeso e 5 milioni in situazioni di obesità.

Bisogna dire che il sovrappeso è l’obesità rappresentano la seconda causa evitabile di tumori dopo il fumo e rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di varie malattie croniche.

Riconoscere l’obesità come una malattia cronica

La firma della carta dei diritti serve a determinare al riconoscimento dell’obesità come malattia cronica, i firmatari chiedono di definire i ruoli degli specialisti che si occupano di questa patologia e di assicurare alla persona il pieno accesso alle cure e ai trattamenti dietetico-alimentari, e anche farmacologici e chirurgici.

Altro obiettivo della carta è quello di implementare un Piano Nazionale sull’obesità condiviso in tutte le Regioni d’Italia per sviluppare interventi basati su una migliore organizzazione dei servizi.

La Carta dei Diritti e dei Doveri

La Carta dei Diritti e dei Doveri è stata sottoscritta dalle principali società scientifiche nazionali che si occupano di obesità e nutrizione. Si è arrivati a questo in quanto la prevenzione veniva fatta in modo inefficace, tutta la colpa veniva data al soggetto che ingrassava perché non rispettava le regole.

La comunità scientifica afferma che l’obesità sia una condizione complessa che deriva dall’interazione di fattori genetici, psicologici e ambientali, in molti casi, la persona colpita da obesità è spesso vittima di stigma sociale e mediatico che finisce per condizionare lo stile di vita è la qualità.

L’obesità è causa di infertilità nell’uomo, lo studio che lo dimostra


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp