Olio esausto, qual è il luogo giusto dove gettarlo?

L’olio è uno degli alimenti più usati in cucina dagli italiani e viene sempre gettato erroneamente nel lavandino o nel WC. Come risolvere tale problema?

Quante volte abbiamo sentito dire dai nostri vicini o dagli esperti in tv che l’olio esausto, quello usato una volta cucinato, non deve essere gettato né nel lavandino e né nel WC? Beh, tante volte, ma la brutta abitudine non si perde mai poiché non si sa dove poterlo gettare altrimenti. L’olio usato per cucinare come anche gli alimenti sottolio non sono biodegradabili e, di conseguenza, se gettato nel lavandino o nel WC inquina le acque. Cosa succede se si getta l’olio esausto in tali scarichi? E dove, quindi, è più corretto gettarlo?

Olio esausto, dove deve essere gettato?

Quando si versa dell’olio da cucina appena usato nel lavandino o nel WC si danneggiano le tubature e si rischia anche di intasare gli scarichi.

Oltre a questo c’è un altro rischio molto più importante: si danneggia l’ambiente.

Dagli scarichi presenti in casa, l’olio inquina le falde acquifere, per poi arrivare a fare lo stesso con i terreni coltivati e con i pozzi che presentano dell’acqua potabile.

E ancora: se si getta l’olio in tali scarichi si arriva ad intasare anche gli impianti, oltre che a rallentare il processo di trattamento.

Infine, dopo tutto questo viaggio, l’olio usato arriva ai fiumi e ai mari e si presenta sottoforma di patina sulla superficie dell’acqua.

Questa patina creatasi, non permette il passaggio dei raggi solari ed altera l’equilibrio degli ecosistemi acquiferi.

Ma passiamo alla soluzione di questo problema così ben radicato che sembra difficile da combattere: dove si deve gettare l’olio esausto?

L’ideale sarebbe quello di prendere tutto l’olio usato in cucina e raccoglierlo all’interno di una bottiglia di plastica vuota.

Una volta fatto questo, bisogna poi portare tale bottiglia all’isola ecologica del proprio paese o della propria città.

 

Leggi anche:

Scottature: no all’olio, si all’acqua fredda


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.