Oltre un miliardo di profili violati: ecco quali sono i peggior attacchi hacker del 2018

Gli hacker: un pericolo continuo: ecco i danni che hanno prodotto nel 2018 ad aziende e privati

L’anno scorso è stato il peggior anno per quanto riguarda la sicurezza informatica, e a quanto pare anche nel 2019 dobbiamo stare al riparo, gli hacker continueranno a rovinare aziende e privati. Siamo ormai nelle mani degli hacker che di continuano attaccano i nostri profili.

Attacchi informatici del 2018

Ermes Cyber Security, startup dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino che si occupa a difendere in assoluto le aziende da tutti questi continui attacchi degli hacker afferma: “Il 2018 è stato un anno terribile per la sicurezza informatica e quest’anno aziende e privati dovranno correre ai ripari: negli ultimi sette anni gli attacchi informatici nel mondo hanno registrato una crescita esponenziale (+240% nel 2017 rispetto al 2011) che non sembra volersi arrestare”

Un numero impressionante di profili violati dagli hacker, ma vediamo insieme i danni che hanno prodotto questi terribili attacchi informatici.

Sacramento Bee: 19,5 milioni di profili violati

A febbraio scorso un hacker si era impossessato di ben due database del ‘’The Sacramento Bee’’, è stato hackerato un database che all’interno si trovano informazioni degli elettori californiani e un altro database ancora conteneva informazioni degli abbonati al quotidiano: ‘’The Sacramento Bee’’. In seguito alla violazione dei dati, l’hacker in cambio dell’accesso ai dati rubati aveva chiesto un riscatto. ‘’The Sacramento Bee’’ ha immediatamente eliminato i database, rifiutando ovviamente la proposta.

Ticketfly

Si tratta di una piattaforma che permette l’acquisto di biglietti per eventi e concerti, a fine maggio scorso, ha subito un attacco informatico non indifferente. Sono stati coinvolti 27 milioni di utenti, a rischio i loro dati personali inclusi, numeri delle carte di credito, numero telefonico, email, nomi e cognomi e indirizzi.

Chegg

A settembre scorso 40 milioni di profili messi in pericolo, un forte attacco per la società americana che si occupa di servizi educativi e dell’affitto dei libri di testo.

Facebook

Sempre a settembre scorso, la piattaforma Facebook è stata colpita dagli aggressori informatici. Sono stati compromessi ben 50 milioni profili Facebook

Google+

Prima che il social network di Mountain View chiudesse, 53 milioni di utenti hanno subito una forte violazione informatica.

Il social network l’anno scorso purtroppo ha dovuto subire ben due colpi forti dagli hacker uno che ha compromesso 500.000 utenti e l’altro come abbiamo detto 53 milioni.

Cambridge Analytica

Uno dei più grossi attacchi informatici ha colpito l’azienda di analisi dati, un caso mediatico del 2018. Gli hacker hanno violato ben 87 milioni di utenti.

MyHeritage

Nel 4 giugno scorso, la piattaforma che consente di ricostruire gli alberi genealogici, ha dovuto fare i conti con gli hacker, sono state hackerati ben 92 milioni dei suoi utenti.

L’elenco delle prime tre aziende in classifica per quanto riguarda gli attacchi informatici

Quora

Si tratta di una piattaforma dove è possibile fare domande e avere risposte di qualsiasi argomento, crittografati 100 milioni di utenti.

MyFitnessPal

A febbraio scorso, 150 milioni di utenti sono stati colpiti dal potente attacco informati da parte degli hacker. Si tratta di un’applicazione sulle abitudini alimentari, che ha dovuto subire un attacco non indifferente.

Marriott

A settembre scorso, la più grande catena alberghiera al mondo è stata vittima degli hacker, i dati di 500 milioni di ospiti nelle mani degli hacker.

Leggi anche: Nuova truffa online, Aruba nella trappola degli hacker, ecco di cosa si tratta

Leggi anche: WhatsApp: dopo l’incubo Momo, arriva Olivia, il personaggio che spaventa gli utenti

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.