Paccheri con seppie e piselli, un piatto completo per 4 persone

Paccheri con seppie e piselli, un primo piatto completo della tradizione, inoltre rispecchia la primavera per i suoi colori; un abbinamento gustoso.

Paccheri con seppie e piselli, un primo piatto completo tradizionale e genuino. Pochi ingredienti e semplici passaggi per gustare uno dei piatti più amati e classici della cucina napoletana. Un abbinamento fantastico e perfetto tra pesce e orto, inoltre colorato rispecchia la primavera. Ecco la ricetta e vediamo come si preparano; i paccheri con seppie e piselli.

Paccheri con seppie e piselli

ingredienti per 4 persone

Paccheri 400 gr

Seppie 2 medie

Piselli 250 gr

Pomodori pelati 250 gr

Aglio

Olio extravergine d’oliva

Sale

Vino bianco mezzo bicchiere

Preparazione

Innanzitutto pulire, lavare e tagliare le seppie in fette da 2-3 cm. In una padella, versare un abbondante giro d’olio con l’aglio, farlo dorare leggermente. Aggiungere le seppie e appena risultano bianche, sfumare con il vino bianco, a questo punto unire i piselli, che possono essere freschi, in scatola oppure surgelati. Pochi istanti di cottura per far insaporire i due ingredienti e poi aggiungere anche i pelati, un po’ di sale e coprire con coperchio e infine cuocere a fiamma media. preparazione seppie con i piselliNel frattempo portare sul fuoco la pentola con l’acqua per cuocere la pasta, la cottura di seppie e piselli non è molto lunga occorre una mezz’ora. Al momento di scolare la pasta, annettere una tazzina d’acqua di cottura al sugo di seppie e piselli. Versare la pasta al dente e amalgamarla bene al sughetto, assaggiare se occorre aggiustare di sale. Servire caldo con un po’ d’olio a crudo e peperoncino. Guarda anche: Scaloppine con i funghi, secondo classico; ricetta facile

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.