Pace contributiva: ecco le nuove agevolazioni

Pace contributiva ci sono diverse proposte per agevolare il riscatto dei contributi non versati.Ecco tutte le novità

Pace contributiva dovrà consentire il riscatto dei periodi non coperti da contribuzione, con una rateizzazione in 10 anni e non più in 5. Questa è la proposta.

Infatti si tratta, per ora, solo di una proposta nell’ambito dell’iter di conversione in legge del decreto 4/2019, non vi è ancora un emendamento depositato. Ma la modifica potrebbe avvenire negli emendamenti del Governo.

Pace contributiva: riscatto contributi

L’articolo 20 del decreto che regola il riscatto contributivo verrà modificato. Attualmente il riscatto è possibile con una rateizzazione in 5 anni con 60 rate. La proposta, invece, propone una rateizzazione di 120 rate in 10 anni con una rata di base non inferiore ai 30 euro.

Riscatto laurea agevolato

Perla regolamentazione del riscatto della laurea sono già stati presentati gli emendamenti.  Il M5S ha proposto una modulazione dell’onere di riscatto della laurea in base all’età:

  • 5mila euro all’anno per chi ha al massimo 45 anni;
  • 7mila 500 uro dai 45 ai 50 anni;
  • 10mila euro dai 50 ai 55 anni;
  • 12mila 500 euro dai 55 ai 60 anni.

Altri emendamenti invece propongono di fissare a 50 anni l’età di che può avere il diritto al riscatto della laurea.  Il gruppo misto propone che i periodi riscattati diano luogo al pagamento della pensione con il sistema contributivo.

Pace contributiva: articolo 20 dl decreto

Ricordiamo cosa contiene in sintesi l’articolo 20 del decreto, che contiene le due possibilità di riscatto dei contributi:

  • C’è la possibilità di riscattare periodi contributivi non coperti da versamenti agli istituti previdenziali, per un massimo di cinque anni. La misura è prevista per il triennio 2019-2021, ed è riservata solo ai contributivi puri, cioè coloro che hanno iniziato a versare i contributi dopo 31 dicembre 1995;
  • Il riscatto della laurea agevolato si effettuare per gli anni della laurea pagando un onere ridotto pari a 5.241 euro per ogni anno di università. Questa agevolazione è consentita solo a chi ha non ancora compiuto i 45 anni, e riguarda periodi di contribuzione da valorizzare con il sistema contributivo.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.