Pace fiscale 2019: rottamazione cartelle esattoriali e non solo, ecco come aderire

Con la Pace Fiscale è possibile rottamare debiti di veccia data, ecco la procedura e come aderire

Con la legge di bilancio 2019, come è noto, è stato incluso la rottamazione con il saldo e stralcio delle cartelle esattoriali per le persone fisiche e giuridiche, che attestano di essere in difficoltà economica. Lo stralcio e saldo è previsto per i debiti affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 che riguardano versamenti di imposte e contributi non effettuati.

Per usufruire dell’attuale Pace Fiscale saldo e stralcio bisogna presentare il modello ISEE che attesti un reddito inferiore a 20.000 euro, requisito necessario che attesti la comprovata situazione di difficoltà economica.

Pace fiscale è possibile per debiti superiori a 100 mila euro?

Molti contribuenti, ancora ad oggi sono confusi e non sono a conoscenza se possono accedere o meno alla pace fiscale saldo e stralcio. Rispondiamo a tale proposito ad una nostra lettrice che ci pone il seguente quesito:

Vorrei chiedere informazioni e sapere come funziona questo condono sul pagamento delle tasse, io piccola artigiana, ho un debito di centomila euro, da vecchia data e un ISEE inferiore a 15.000 euro, posso fare qualcosa, grazie”

La rottamazione ter è possibile, come abbiamo detto, per persone fisiche che giuridiche. Entriamo nel dettaglio.

Pace fiscale: come funziona la rottamazione delle cartelle

La pace fiscale 2019 consente al contribuente di pagare i debiti fiscali delle cartelle esattoriali affidate all’agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2018. C’è la possibilità di rateizzare l’importo in 18 rate per una durata di 5 anni. All’importo da pagare verrà applicato un tasso d’interesse agevolato del 2% anziché del 4,5% come previsto dalla legge.

Tale procedura dà la possibilità a famiglie e ad imprese che hanno cartelle esattoriali non pagate di stralciare l’intero debito, pagando solo il tributo. In questo modo molte imprese possono tornare produttive.

Pace fiscale: stralcio in base al reddito

La pace fiscale saldo e stralcio è stata approvata con la Legge di Bilancio 2019, e viene applicata solo per gli omessi versamenti da autoliquidazione e contributi previdenziali.

Come abbiamo detto all’inizio, possono usufruire di questo provvedimento chi ha una situazione economica precaria comprovata. Si sono individuati tre scaglioni con tre aliquote diverse per poter accedere alla pace fiscale.

Il contribuente deve presentare il reddito ISEE, per far richiesta di rottamazione:

  • ISEE inferiore a 8.500 euro: il contribuente paga la percentuale minima del 16%;
  • ISEE tra 8.501 e 12.500 euro: il contribuente paga la percentuale intermedia del 20%;
  • ISEE fino 20.000 euro: il contribuente paga la percentuale massima del 35%.

Facciamo un esempio, per chiarire il concetto: un contribuente che abbia accumulato debiti per 100 mila euro e ha un ISEE di 13.000 euro, pagherà il 20% di 100 mila euro, quindi 20.000 euro per saldare le cartelle. Mentre se il contribuente ha un ISEE di 15.000 euro l’aliquota da pagare per saldare le cartelle è il 35%, cioè 35.000 euro.

Risposta alla nostra lettrice

La nostra lettrice essendo una piccola artigiana ha la possibilità di acceder alla rottamazione, sempre che i debiti prescritti riguardano cartelle esattoriali affidate all’agente di riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Avendo un ISEE di 15.000 euro l’aliquota da pagare sarà del 35% del debito, rateizzabili anche in 18 rate per 5 anni.

Consigliamo alla nostra lettrice di rivolgersi ad un commercialista per appurare la propria posizione e inoltrare domanda di rottamazione, il cui termine di scadenza è stato prolungato fino al 31 luglio 2019 con un emendamento inserito nel Decreto Crescita, approvato in Commissione Finanze e Bilancio della Camera l’11 giugno 2019.

Rottamazione Ter e saldo e stralcio delle cartelle 2019: c’è tempo fino al 31 luglio. Ecco le novità


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.