Pace fiscale 2019: rottamazione Ter in 10 rate, condono cartelle fino a 1.000 euro, le novità

Pace fiscale 2019, tutti i casi possibili su rottamazione ter in 10 rate fino a 5 anni, condono cartelle fino a 1.000 euro, le novità.

La pace fiscale apre le porte a chi ha presentato la dichiarazione dei redditi, con una dichiarazione integrativa, per far emergere fino ad un terzo in più delle somme già dichiarate, ma massimo per un limite di 100.000 euro per periodo di imposta, fino alle dichiarazioni redditi presentate entro il 31 ottobre 2017. Sui maggiori ricavi dichiarati su applicherà un’imposta unica “flat” del 20%. Inoltre, la Pace fiscale comprenderà la rottamazione ter per le cartelle esattoriali, liti pendenti, PVC e procedimenti di accertamento e “saldi e stralci” di importi a ruolo remoti dal 2000 al 2010 e di entità minima fino a 1.000.

Pace fiscale, se non pago la rata del 31 ottobre, posso aderire alla Rottamazione ter?

Potranno aderire alla pace fiscale anche i contribuenti che avevano aderito alle precedenti definizioni agevolate, ma che non sono riusciti a pagare le rate e quindi decaduti dall’agevolazione.

Potranno rientrare nella Rottamazione ter:

  • i contribuenti che non hanno pagato le rate della rottamazione in corso. In questo caso, i contribuenti dovranno effettuare i pagamenti delle rate scadute a luglio, settembre ed ottobre entro il 7 dicembre 2018;
  • i contribuenti con cartelle ammesse alla prima definizione agevolata con Dl 193/2016, che non hanno concluso il pagamento delle rate;
  • i contribuenti che, dopo aver aderito alla rottamazione prevista dal DL 148/2017 non hanno provveduto al pagamento di tutte le rate scadute entro il 31 dicembre 2016 di vecchi piani di dilazione in essere alla data del 24 ottobre 2016.

Rientrano nella rottamazione ter, anche i contribuenti con  debiti risultanti da carichi affidati all’agente della riscossione rientranti nei procedimenti instaurati a seguito di istanza presentata dai debitori (legge 27 gennaio 2012, n. 3).

Pace fiscale e condono delle cartelle fino a 1.000 euro

Il comunicato stampa del Governo, riporta: “STRALCIO DEI DEBITI FINO 1000 EURO – Si prevede la cancellazione automatica di tutti i debiti con il fisco relativi al periodo che va dal 2000 al 2010 di importo residuo fino a 1000 euro”.

Lo stralcio totale dei debiti fino a 1.000 euro, prevede l’annullamento automatico delle cartelle di importo minore nel periodo compreso tra il 2000 e il 2010, per le cartelle relative a tributi locali non pagati, come IMU, TASI e TARI, incluse anche le multe per violazione del codice della strada.

Pace fiscale e Rottamazione ter, la data del 7 dicembre 2018 è sicura?

La misura della Pace fiscale, inserita nel comunicato del Governo e nello schema ufficiale sulla pace fiscale del 16.10.2018. La norma non è ancora ufficiale, quindi consiglio di attendere che sia pubblicata sulla G.U.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.