Pagamento imposte differito con 0,40% di interessi: le nuove date

Nuove date per il pagamento delle imposte nella dichiarazione dei redditi con l’0,40% di interessi: ecco l’elenco.

L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 71 /2019 ha fornito le nuove date per il pagamento delle imposte scaturite dalla dichiarazione dei redditi. Il nuovo calendario interessa non solo i soggetti tenuti all’applicazione dei nuovi ISA, ma anche i contribuenti per i quali è prevista l’esclusioni dagli ISA, compresi minimi e forfettari. Il differimento dei termini di versamento è disposto dall’art. 12-quinquies del DL n° 34/2019.

Il nuovo calendario del pagamento imposte 

Il pagamento delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi può essere differito di ulteriori 30 giorni, alla scadenza del 30 ottobre 2019, con il versamento della maggiorazione dello 0,40 per cento a titolo di interessi. Resta fermo invece al 30 novembre 2019 (che viene spostato al 2.dicembre 2019 essendo il 30 novembre 2019 un sabato) la scadenza per il versamento del 2° o unico acconto per il 2019.

Scadenze fiscali ottobre 2019: ecco le date da segnare in rosso


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”