PagoPa: slitta l’avvio piattaforma per i pagamenti alla PA, le novità

PagoPa: I pagamenti alla Pubblica Amministrazione tramite la piattaforma slittano al 30 giugno 2020 per adeguamenti tecnici delle PA, le novità

Un emendamento presentato alla legge di bilancio 2020 prevede l’obbligo di effettuare i pagamenti alla Pubblica Amministrazione attraverso il sistema PagoPa. Tale obbligo entrerà in vigore il 30 giugno 2020.

Piattaforma PagoPa: che cosa è

La piattaforma PagoPa è stata inserita in via sperimentale dal 2013, prima in alcune città italiane e poi introdotta su tutto il territorio. La piattaforma è stata ideata dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) mentre per la sua gestione provvede la società PagoPa SpA.

I tributi possono essere pagati tramite la piattaforma PagoPa in modo sicuro e semplice. Il contribuente può scegliere la modalità di pagamento preferito ed eseguire l’operazione, alla fine riceverà la ricevuta in tempo reale.  La Pubblica Amministrazione chiuderà la posizione debitoria del contribuente nel momento stesso del pagamento.

Tramite il sistema PagoPa si possono effettuare pagamenti di tutti i tipi di tasse, utenze, bollo auto, e tutti i pagamenti rivolti alle Pubbliche amministrazioni, alle società a partecipazione pubblica, alle Asl, scuole e università ma anche alle società private che prestano servizi ai cittadini che aderiscono alla piattaforma.

Piattaforma PagoPa: l’entrata in vigore dell’obbligo di pagamento

Dal 30 giugno 2020 sarà obbligatorio utilizzare il sistema PagoPa per pagare tasse, multe e tributi e cosi via. Il Governo ha slittato l’obbligo di pagamento dei tributi con PagoPa di 6 mesi per far sì che tutte le Pubbliche amministrazione si adeguano al sistema, in modo che non subentrino disservizi ai danni dei cittadini.

Il Governo ha ritenuto necessario il rinvio del termine. In modo da permettere tutti gli adattamenti tecnici necessari e la stipula delle convenzioni con gli enti locali. Quest’ultimi potranno aderire alla piattaforma anche tramite altri soggetti che già operano su di essa.

Il nuovo sistema di pagamento PagoPa sostituirà il vecchio bollettino Rav, che viene utilizzato da imprese e cittadini per pagare cartelle e avvisi. Questo nuovo metodo di pagamento darà la possibilità al cittadino di ritrovare in tempo reale tutte le informazioni del tributo da pagare. Inoltre, il contribuente potrà aggiornare l’importo da versare nella data del pagamento. Il sistema PagoPa è una grande innovazione di Agenzia delle Entrate – Riscossione e permette di offrire al cittadino servizi più accessibili, facili da utilizzare e veloci.

Bollo auto: nuova modalità di pagamento dal 1° gennaio 2020 e non solo


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.