Palestre e piscine: a quando la possibile riapertura?

Quando si prevede la riapertura di palestre e piscine?

Tutti gli amanti del fitness hanno dovuto lasciare a malincuore le palestre e le piscine ormai da un mese, per l’emergenza da Coronavirus. Per questo tipo di attività e di sport si è reso necessario fermarsi subito, essendo un possibile veicolo di facile trasmissione.

Quando riapriranno palestre e piscine?

Per tutti gli amanti del fitness, che già erano attrezzati a casa con cyclette e tapis roulant, non è stato difficile arrangiarsi in qualche modo e passare molto del tempo a casa facendo queste attività.  Ma chi non era attrezzato si è dovuto organizzare per fare addominali, dorsali e stretching, e non è così facile.

Inizialmente, durante l’emergenza, era consentito uscire e correre, ma poi è stato vietato, e chi era abituato a muoversi trova difficoltà a stare fermo sul divano. La domanda che però si fanno tutti gli atleti è quando si potrà tornare ad allenarsi, almeno per correre.

Poi il pensiero va alle palestre e alle piscine, ma risposte in merito, ad oggi, non ce ne sono. Per parlarne è necessario che il numero dei contagiati sia a zero, così da consentire una graduale ripresa. Ma i presupposti non sono molto buoni: le palestre e le piscine prevedono troppo restrizioni, non solo le distanze di sicurezza, ma sicuramente alla ripresa si dovranno continuare ad usare i dispositivi di protezione come mascherine e guanti, oltre il metro di distanza tra una persona e l’altra.

Non si esclude che le palestre e le piscine siano tra le ultime cose che verranno riaperte, i rischi sono troppi. Ciò che gli sportivi devono sperare è che almeno si possa uscire di casa, sempre con le dovute precauzioni, e provare a praticare un po’ di attività motoria all’aria aperta, anche perché è iniziata la bella stagione a tutti gli effetti e diventa davvero difficile rimanere chiusi in casa.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp