Pane fatto in casa con il forno sul fornello: ricetta semplice e veloce

Fare il pane non è difficile ci sono alcuni semplici passaggi da fare per ottenere un pane soffice: ecco la ricetta.

Fare il pane non è difficile ci sono alcuni semplici passaggi da fare, in base alla quantità di farina si calcola il lievito, l’acqua e il sale.
Si mette la farina in autolisi da un minimo di 30 minuti o più di qualche ora (l’autolisi serve a sfruttare l’alveolazione del glutine e si fa con una percentuale d’acqua l’impasto con questo sistema subito s’incorda) oppure fino a che il lievito madre è pronto. Si impasta con lievito acqua in ultimo si aggiunge il sale, si fa riposare per 30 Min. minimo, poi si procede con alcuni giri di pieghe che dipendono dalla stabilità del panetto di pane. Dopodiché si fa lievitare solitamente fino al raddoppio e poi si procede a formare il filoncino di pane in un cestino e al raddoppio si cucina.

Pane fatto in casa: ingredienti

Ingredienti per un filone da 600/700 gr:

  • Farina 0 400 gr.
  • 100 gr di integrale
  • Pasta madre 60 gr
  • sale al 2% in questo caso 10 gr acqua al 70% (350 gr)

Preparazione

Farine setacciate (sempre per ossigenare la farina) in autolisi per 1 ora, con 250 gr d’acqua il restante l’ho tenuto da parte per l’impasto.

Trascorso il tempo ho aggiunto lievito +1 cucchiaino di miele e un po’ d’acqua e ho lasciato impastare, aggiungendo acqua quando la precedente era Assorbita poi ho cambiato il gancio con quello ad uncino e aggiunto ancora un po’ d’acqua quando si è assorbita ho aggiunto il sale e un altro goccio d’acqua e lasciato impastare aggiungendo acqua a goccia fino all’ultima ogniqualvolta si assorbiva ho fatto 2 giri di piega e ho messo a lievitare al mattino era triplicato (ho impastato verso le 10 di sera)ho formato messo in cestino e dopo 2 ore ho cotto nell’Estense.

Modalità di cottura

Base forno sul fornello grande, poi inserire una piastra radiante in ghisa che serve ad ammortizzare la fiamma. A questo punto ricomporre il forno con lo spargifiamma e il trespolo. Io inserisco una teglia con sale grosso coperto da carta alluminio su cui poggio la teglia dove metto a cuocere il pane. Infine, chiudo il coperchio; chiudo i buchi e accendo il fuoco a fiamma alta. Sarebbe consigliato avere anche un termometro da barbecue, che è possibile montare sul coperchio. Questo permette di controllare la temperatura che raggiunge il forno al suo interno.  Quando arriva sui 300 gradi, ribalto il pane su una piccola pala di legno cosparsa di semola, faccio tagli in superficie e inforno mettendo il pane sulla teglia rovente, poi chiudo il coperchio e proseguo nel modo seguente:

✓20 Min fiamma alta
✓ 20 Min fiamma media
✓30 Min fiamma minima
✓ 20 Min fiamma un pò più del minimo aprendo i buchi girando il pomello
✓20 Min a spiffero mettendo 2 mestoli d’acciaio sulla base e appoggiando il coperchio, questo sistema serve a lasciare uno spazio per fare circolare l’aria, utile ad asciugare il pezzo di pane.

Spegnere il fuoco e farlo raffreddare qualche ora, tenendolo in verticale il pane si asciugherà al suo interno più in fretta. C’è chi sostiene che il pane non si taglia prima che siano trascorse 7 ore, ma per me questa regola non esiste perché anche se è tiepido e mi serve, io lo taglio, e vi assicuro non c’è niente di più buono di una fetta di pane caldo.

Nota la lievitazione può avvenire a temperatura ambiente o anche in frigo e optando anche per la cottura frigo/forno.

Io ho comprato il termometro e la piastra in ghisa su Amazon

Termometro da barbecue

Piastra in ghisa 

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest

Imma Castaldo

Cucinare e impastare è la mia più grande passione che coltivo da quando ero ragazza, ricordo ancora la mia prima pasta e fagioli all'età di 13 anni. Ma la dote più innata sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli, sono molto golosa soprattutto di cose buone. Mi piace imparare e sperimentare cose nuove uso molto il lievito madre per i lievitati e di conseguenza lunghe lievitazione. Avendo anche 3 ragazzi devo sempre inventarmi qualcosa per accontentarli: dai primi piatti alla pizza; dai secondi  al fast food.