Papa Francesco in Africa: tanta speranza e gioia

Il viaggio del Papa in Africa si è concluso, precisamente in Mozambico, Madagascar e Mauritius, e di questi giorni intensi e straordinari, rimangono impressi nella mente e nei volti pieni di gioia dei bambini.

Il viaggio del Papa in Africa si è concluso, precisamente in Mozambico, Madagascar e Mauritius, e di questi giorni intensi e straordinari, rimangono impressi nella mente e nei volti pieni di gioia dei bambini, delle donne e degli uomini che hanno accompagnato il Papa lungo le strade fangose e polverose, ma nonostante ciò hanno animato le stupende liturgie celebrate. La gioia è la speranza che si è vista nei volti di queste persone, nonostante le difficoltà e le condizioni precarie in cui vivono, ci può insegnare molto a tutti noi. Ci fa capire che il benessere di una persona, di un popolo, non si calcola solo da un lato economico, la fede vissuta, l’amicizia, il relazionarsi, la famiglia, la solidarietà, dare importanza anche alle piccole cose, il fatto di donarsi, tutto questo non potrà mai entrare nelle statistiche nostre di tutti i giorni.

I vari momenti del viaggio in Africa

Il momento più commovente di tutto il viaggio è stato l’incontro con gli ottomila bambini di Akamasoa, qui tempo fa c’era una discarica, ora ci sono delle piccole casette in mattoni, scuole. Questa è un’opera che incarna la speranza cristiana, iniziata trenta anni fa da padre Pedro Opeka. Grazie a lui, migliaia di famiglie hanno trovato lavoro, i bambini un tetto, cibo e scuola.

La presenza del Papa per questi bambini, li ha fatti molto felici per aver ospitato in casa loro quel nonno vestito di bianco venuto da Roma. In questi giorni, nei suoi discorsi, il Papa ha più volte spronato sacerdoti, religiose e religiosi a ravvivare il fuoco dell’autentico spirito missionario che non può prescindere dalla vicinanza chi soffre.

Il Papa ha invitato a non considerare la condizione dei poveri come una fatalità, di non arrendersi e di non cedere mai alle tentazioni della vita facile. Poi, da parte del Papa, c’è stato il coinvolgere i governi, le autorità politiche e della società civile, questo perche si possano intraprendere nuovi cammini sulla via dello sviluppo.

Ha consigliato a rendere i popoli protagonisti della costruzione di un futuro più giusto, più solidale, più dignitoso, più rispettoso. Questi sono messaggi pronunciati in Africa per l’Africa, ma dovremmo imparare ad ascoltarli e prenderli come esempio anche nella nostra vita.

Papa Francesco, un cuore innamorato di Dio