Papa Francesco proclama ‘la domenica della parola di Dio’, cos’è?

Papa Francesco ha dichiarato di aver istituito la domenica di Dio. Ma cosa si tratterà mai? Vediamolo più da vicino nell’articolo.

Papa Francesco vuola la ‘Domenica della Parola di Dio’, la quale verrà celebrata la terza domenica del Tempo Ordinario. Si tratta di una data simbolica, come lo stesso pontefice scrive nella Lettera apostolica ‘Aperuit illis’, un Motu proprio ad hoc, nella quale si pregherà per l’unità “autentica e solida”. Ma vediamo più da vicino di cosa si tratta.

Papa Francesco e ‘la domenica di Dio’, cosa sarà?

Ecco le parole del Pontefice che scrive:

“Stabilisco che la III Domenica del Tempo Ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio.

Questa ‘Domenica della Parola di Dio’ verrà così a collocarsi in un momento opportuno di quel periodo dell’anno, quando siamo invitati a rafforzare i legami con gli ebrei e a pregare per l’unità dei cristiani” scrive Bergoglio, spiegando che “non si tratta di una mera coincidenza temporale: celebrare la ‘Domenica della Parola di Dio’ esprime una valenza ecumenica, perché la Sacra Scrittura indica a quanti si pongono in ascolto il cammino da perseguire per giungere a un’unità autentica e solida.

Le comunità troveranno il modo per vivere questa domenica come un giorno solenne. Sarà importante, comunque, che nella celebrazione eucaristica si possa intronizzare il testo sacro, così da rendere evidente all’assemblea il valore normativo che la Parola di Dio possiede”.

Il Pontefice, inoltre, veste anche il ruolo di consigliere e parla anche a vescovi e sacerdoti:

“In questa domenica, in modo particolare, sarà utile evidenziare la sua proclamazione e adattare l’omelia per mettere in risalto il servizio che si rende alla Parola del Signore.

I Vescovi potranno in questa Domenica celebrare il rito del Lettorato o affidare un ministero simile, per richiamare l’importanza della proclamazione della Parola di Dio nella liturgia.

È fondamentale, infatti, che non venga meno ogni sforzo perché si preparino alcuni fedeli ad essere veri annunciatori della Parola con una preparazione adeguata, così come avviene in maniera ormai usuale per gli accoliti o i ministri straordinari della Comunione.

Alla stessa stregua, i parroci potranno trovare le forme per la consegna della Bibbia, o di un suo libro, a tutta l’assemblea in modo da far emergere l’importanza di continuare nella vita quotidiana la lettura, l’approfondimento e la preghiera con la Sacra Scrittura, con un particolare riferimento alla lectio divina”.

Ma perché questa domenica di Dio?

All’interno della sua lettera spiega anche il perché dell’istituzione di questa domenica.

Egli lo fa per rispondere a tante richieste  giunte da parte del popolo di Dio, perché in tutta la Chiesa si possa celebrare in unità di intenti la Domenica della Parola di Dio.

È prassi comune vivere dei momenti in cui la comunità cristiana si concentra sul grande valore che la Parola di Dio occupa nella sua esistenza quotidiana.

Nelle diverse Chiese locali c’è una ricchezza di iniziative che rende sempre più accessibile la Sacra Scrittura ai credenti, così da farli sentire grati di un dono tanto grande, impegnati a viverlo nel quotidiano e responsabili di testimoniarlo con coerenza.

Infine, ritiene il papa che è necessario che non venga mai a mancare nella vita del nostro popolo questo rapporto decisivo con la Parola viva che il Signore non si stanca mai di rivolgere alla sua Sposa, perché possa crescere nell’amore e nella testimonianza di fede.

Leggi anche:

Papa Francesco in Africa, mamma a 74 anni, italiano denunciato, formicolio alle mani e pidocchi: tutte le novità di oggi


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.