Papa Francesco visita la tomba di Padre Pio a San Giovanni Rotondo il 17 marzo

Papa Francesco in vista a San Giovanni Rotondo per visitare i luoghi del santo, in occasione pellegrini da tutto il mondo.

Papa Francesco visita per la prima volta San Giovanni Rotondo, dove si trova Padre Pio. In arrivo più di dieci mila pellegrini da tutto il mondo.

Dal 100° anno della stimmatizzazione di San Pio di Pietrelcina e dal 50° anniversario del suo beato transito, il 17 marzo Papa Francesco arriva per la prima volta a San Giovanni Rotondo per far visita al Santo.

Per l’occasione il Santo è stato spostato nella cappella della Chiesa di origine Santa Maria delle Grazie, luogo più assorto per le preghiere dei pellegrini.

Papa Francesco visita i luoghi di Padre Pio

Il papa farà visita ai luoghi di San Pio e incontrerà i malati di Casa Sollievo della Sofferenza. Ad annunciare il lieto evento, monsignor Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.

Attorno all’itinerario umano e spirituale di Padre Pio da Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione, si è realizzata una delle più popolari e coinvolgenti esperienze di devozione religiosa dell’Italia del Novecento. Per un cinquantennio, dal 1918 al 1968, senza mai spostarsi dal convento di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo, Padre Pio ha attratto generazioni di italiani e stranieri, che si recavano nel Gargano per incontrare colui che amava definirsi “un povero frate che prega”, convinto che “la preghiera è la migliore arma che abbiamo, una chiave per aprire il cuore di Dio”.

Il mistero di Padre Pio 

Quanti hanno visitato il piccolo centro pugliese si sono imbattuti in un prete cappuccino dall’esistenza segnata dalla semplicità, e per certi versi dalla ripetizione. Preghiera, celebrazione della messa, confessione e ascolto dei pellegrini hanno infatti costituito la quotidianità del santo per cinquant’anni. Alla semplicità della sua vita, tuttavia, si sono accompagnati doni spirituali ed esperienze mistiche, tutti di carattere soprannaturale.

Il mistero di immedesimazione nel Crocefisso si era infatti compiuto il 20 settembre 1918, sette secoli dopo la stimmatizzazione di Francesco di Assisi. Nel frattempo, Padre Pio era stato inviato a San Giovanni Rotondo. Le stimmate avrebbero procurato al religioso fama, seguito, dolore, e infinite polemiche. Importa sottolineare che tutto questo non fu da lui voluto. Anzi, Padre Pio tentò inizialmente di nascondere l’evento, e in seguito non lo ostentò mai.

La formazione delle stimmate non poté tuttavia essere tenuta segreta, e la notizia si propagò rapidamente, attirando nel paesino garganico, all’epoca davvero piccolo e difficilmente raggiungibile, folle di fedeli e di curiosi.

Oggi invece grazie alla sua fama il paese è diventato una cittadina lussuosa e ricca soprattutto della sua fede dove tutti e tutto ha la presenza del Santo nella propria vita quotidiana, pronta ad accogliere tutti i pellegrini del mondo con molta tranquillità e un’organizzazione a dir poco incredibile.

M.C.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.