Paranormale: fenomeni inspiegabili al Randolph-Macon College

Paranormale: Il Randolph-Macon College, una minuscola e antica università mezz’ora a nord di Richmond, nel corso degli anni ha ospitato numerosi fenomeni inspiegabili

Spiriti, apparizioni e fantasmi. Alcune persone credono che ci sia qualcosa in questo mondo che non può essere completamente spiegato. I campus universitari nella zona di Richmond hanno una storia profondamente radicata, che contribuisce a riportare eventi del paranormale attorno a quei campus. Il Randolph-Macon College di Ashland non fa eccezione. Sembra che tutti nel piccolo college privato conoscano almeno una storia di persone che hanno vissuto qualcosa di inspiegabile. James Scanlon, ex professore di Randolph-Macon, ha affermato di aver avvertito una presenza in uno degli edifici del campus. In realtà, dice di averlo visto più volte. Qualcosa sarebbe apparso a suo avviso e si sarebbe spostato da destra a sinistra lungo il corridoio al piano superiore dell’edificio Washington-Franklin, che ospita alcuni uffici per insegnanti, due aule e una grande sala aperta per eventi sociali, ma che di solito è silenzioso e vuoto.

Una normale domenica pomeriggio, verso le due o le tre del pomeriggio, Scanlon si stancò di leggere e uscì dalla porta del suo ufficio, nel corridoio. Mentre guardava attraverso la fessura della porta e nel corridoio della Washington-Franklin Hall, sentì che “c’era qualcosa”. Lo vide passare da destra a sinistra, come se stesse passando qualcuno. “Sembrava granuloso … una nebbia”, dice. “Sembrava una nebbia di San Francisco, ma aveva un contorno definito.”  Il professore rimase scioccato e iniziò a cercare intorno all’edificio qualcuno o qualcosa che avrebbe potuto causare ciò che aveva visto. Ma non trovò nulla.

Più tardi, quando menzionò questa storia ai suoi colleghi, Scanlon si aspettava che i suoi amici lo prendessero in giro. Invece, scoprì che altri professori che lavoravano nell’edificio Washington-Franklin avevano sperimentato le stesse cose che aveva visto lui. In un’altra occasione, Scanlon menzionò che un giovane si era intrufolato nella Washington-Franklin Hall per suonare il pianoforte Steinway in palissandro situato nella stanza Franklin. L’edificio era chiuso a chiave. Nel momento in cui si sedette per suonare una canzone al pianoforte, sentì un formicolio sul braccio. Scanlon ha detto che “alzò lo sguardo e seduto lì … c’era un uomo che lo fissava. In un edificio in cui era difficile entrare. Il giovane distolse lo sguardo e guardò indietro e l’uomo non c’era più. Corse fuori dall’edificio, fino alla sua casa di confraternita. “I suoi fratelli della confraternita hanno detto che era bianco come un lenzuolo”, ha detto Scanlon.

Un altro professore di Randolph-Macon, Jack Trammell, raccontò che uno studente aveva avuto un’esperienza paranormale. Una notte il ragazzo mentre era nel suo letto sostiene che qualcosa o qualcuno lo afferrò per le caviglie, quasi tirandolo fuori dal letto.  Nuove storie sui fantasmi nel campus di Randolph-Macon compaiono ogni mese circa. Alcuni sembrano falsi. Tuttavia, ci sono molte storie che coinvolgono le stesse figure che compaiono negli stessi posti nel campus. Questi eventi tendono ad attirare più attenzione e questi “spiriti” ricorrenti spesso ottengono nomi propri. Uno dei più visti è indicato come la donna in bianco.

Si dice che una notte una ragazza che si stava preparando per andare a letto si diresse in bagno per lavarsi i denti. Quando entrò nel bagno, vide una donna che indossava qualcosa di bianco accanto a lei nel riflesso dello specchio del bagno. Quando finì di lavarsi i denti e si voltò per andarsene, la donna non c’era più. Ci sono molte teorie su chi sia questa donna. Uno dei più popolari è che è il fantasma di una studentessa morta suicida da qualche parte nell’edificio e che ora si aggira per le sale in cerca di un amico.  Per fortuna, la maggior parte delle esperienze paranormali che le persone hanno riportato sono di natura amichevole, anche se sono un po’ inquietanti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp