Passare al contributivo puro per pensione a 64 anni, è ancora possibile oppure no?

L’esercizio dell’opzione contributiva permette l’accesso alla pensione a 64 anni con almeno 20 anni di contributi?

Pensione a 64 anni co soli 20 anni di contributi, sembrerebbe un miraggio ed invece è una misura attualmente in vigore. Anche se non possono accedervi tutti visto che richiede che tutti i contributi siano stati versati nel sistema contributivo puro. Vediamo di fornire dei chiarimenti al riguardo specificando a chi tale possibilità è concessa e chi, invece, ne è escluso.

Passaggio al contributivo puro 

Un nostro lettore ci scrive:

Buongiorno, vorrei cortesemente sapere, ma se io avessi 64 anni e 31,5 anni di contributi, potrei scegliere di passare al contributivo puro ed andare in pensione a 64 anni invece che a 68 anni..?

Il Caf a cui ho chiesto mi dice che passerei da 3300/3400 lordi a 2300/2400 lordi, ma che nel 2012 e stata abolita la possibilità di andare a 64 anni..!!

Ora mi chiedo ma che senso avrebbe rimetterci 1000 euro lordi al mese per avere la stessa data….?

Ma quello che dice il Caf e corretto….? Io leggo ovunque che nn e vero.., anzi che fino al 2023 resta in vigore il concetto di anticipo a 64 anni e 3 mesi passando al contributivo puro…

Chi ha ragione..?

Grazie per una risposta

Ha ragione il suo CAF circa il limite di accesso al contributivo puro, ha ragione chi scrive che la pensione a 64 anni con soli 20 anni di contributi è in vigore. Le spiego perchè.

Alla pensione a 64 anni con soli 20 anni di contributi possono accedere coloro che ricadono nel sistema contributivo puro (ovvero chi ha iniziato a versare contributi dopo il 31 dicembre 1995 e coloro che possono optare per il cumulo nella Gestione Separata se in possesso di determinati requisiti).

Il distinguo va effettuato su chi, invece, può optare per l’opzione contributiva oppure no e a quali prestazioni questa possa far accedere.

Per esercitare l’opzione contributiva, infatti, bisogna rispettare due condizioni principali: avere meno di 18 anni di contributi fino al 31 dicembre 1995 e possedere almeno 15 anni di contributi totali di cui almeno 5 anni versati dopo il 31 dicembre 1995.

La legge Fornero, entrata in vigore nel 2012, ha portato all’esercizio del sistema contributivo due ulteriori distinguo in base al fatto che i requisiti per l’esercizio siano stati raggiunti entro la fine del 2011 o a partire dal 2012.

In ogni caso l’opzione contributiva non permette l’accesso alle pensioni dedicate al contributivo puro (pensione di vecchiaia e anticipata contributiva). L’opzione, infatti, prevede solo l’applicazione del calcolo contributivo e non l’accesso alle prestazioni previste dal regime contributivo. Per chi esercita, quindi, l’opzione contributiva l’accesso alla pensione a 64 anni con 20 anni di contributi non è consentito, mentre resta valido per chi ha iniziato a versare contributi dopo il 31 dicembre 1995 o per chi esercita computo in Gestione Separata.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.