Pazienti immunodepressi e cure odontoiatriche: gli accorgimenti eventualmente da adottare

Cure odontoiatriche nei pazienti con HIV o epatite, il medico si può rifiutare di curare i pazienti immunodepressi?

L’immunodepressione, o immunodeficienza, è la condizione medica in cui il sistema immunitario di un individuo funziona meno efficacemente del normale o non funziona affatto.

Pazienti con HIV o con epatite

Un argomento molto delicato di cui non se ne parla molto come se ne dovrebbe, come nel caso di pazienti con malattie trasmissibili ad essempio HIV o epatite, nel linguaggio di specialità si chiamano pazienti immunodepressi.

Sfortunatamente, i pazienti sieropositivi o quelli con l’epatite vengono rifiutati dalle cliniche mediche a causa della contagiosità di queste condizioni, c’è molta incertezza al riguardo, ma la cosa che fa più arrabbiare è il fatto di dover comunicare queste informazioni strettamente personali non ai medici, ma alle segretarie, lasciando a loro discrezione il trattamento di dati personali di estrema sensibilità.

Cure odontoiatriche e i pazienti con HIV

I pazienti con diagnosi di HIV o sieropositivi continuano a sperimentare difficoltà negli studi dentistici, loro sono ancora discriminati, e molti dentisti si rifiutano di curarli a causa della loro infezione.

In questo caso, se un medico si rifiuta di curare un soggetto affetto da qualsiasi tipo di patologia che non lo identifichi in un ASA 3 o 4 cioè soggetti che vanno curati presso strutture con sala rianimazione devono sapere che possono informare l’ordine dei medici della sua città.

Cosa hanno i dentisti da dire riguarda i trattamenti dentali in pazienti immunodepressi?

Quando si tratta di gestire i pazienti con tali problemi, sono alcuni aspetti che devono essere presi in considerazione nell’applicazione del trattamento dentale.

Da ricordare che il medico ha il dovere di curare anche i sieropositivi.

Le manifestazioni orali sotto forma di lesioni sono spesso incontrate in queste persone e il controllo dentale può in alcuni casi essere il luogo in cui viene rilevata una tale condizione.

Accade spesso che un semplice controllo di routine abbia rilevato la necessità di ulteriori indagini per diagnosticare.

Consigli per coloro che stanno vivendo tale disturbo

Per i pazienti immunodepressi ci sono alcuni consigli da non sottovalutare sul trattamento dentale. Prima di iniziare i trattamenti si consiglia di eseguire test di routine per monitorare lo stato dell’affezione, inoltre il paziente deve dire al medico sin dall’inizio che è affetto da questa condizione medica, in modo tale che lo staff medico possa prenderele necessarie precauzioni.

Dal punto di vista medico legale al dentista non è permesso raccogliere informazioni sulla sieropositività di ogni paziente che si rivolge per la prima volta allo studio medico.

Il riconoscimento della malattia porta principalmente all’adattamento del trattamento e alle condizioni generali del corpo.

I dentisti devono guardare la storia medica del proprio paziente e valutare insieme alle procedure da prendere riguarda il miglioramento, solo qualora sia ritenuto necessario in relazione all’intervento clinico da eseguire sul paziente e comunque con il suo permesso.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.