Pensionamento col fondo pensione a 57 anni o 62 anni

Pensionamento col fondo pensione a 57 e 62 anni: tutto quello che c’è da sapere e quali fondi sottoscrivere che danno accesso alla previdenza complementare.

Pensionamento con il fondo pensione in un periodo di crisi che vive l’Italia e a carriera discontinua dei lavoratori può risultare una valida soluzione. Questa misura previdenziale unica nel suo genere è entrata a far parte delle pensioni news nel 2018 con la circolare COVIP che disciplinava le modalità attuative. Bisogna precisare che non tutti i fondi pensione danno diritto al pensionamento con la rendita. Scopriamo come accedere al pensionamento anticipato con il fondo pensione.

Pensionamento con il fondo pensione: agevolazioni e differenze

Come sopra menzionato questa tipologia di pensionamento anticipato è entrata nel sistema previdenziale nel 2018 con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (R.I.T.A.)

La RITA ha requisiti precisi e permette l’anticipo di 5/10 anni dall’età richiesta per la pensione di vecchiaia. Prima di analizzare i requisiti della RITA, soffermiamoci sui fondi pensione che ne danno il diritto, perché non tutti i fondi prevedono il pensionamento anticipato, quindi, ebbene capire quale fondo sottoscrivere che permetta varie possibilità di riscatto tra cui la RITA.

Abbiamo illustrato in modo ampio cosa sono i fondi pensione e perché convengono, con una breve panoramica sul fondo pensione aperto.

Questa tipologia di fondo pensione può essere sottoscritta da tutti, sia in forma individuale che in forma collettiva attraverso l’azienda e il sindacato, con un accordo indicante modalità e termini.

Dove stipulare i fondi pensione?

Il fondo pensione si può stipulato attraverso la propria banca, oppure per chi ha un conto alla Posta può prendere in considerazione il fondo pensione Poste Italiane, presso le assicurazioni, cc.

L’importante quando si sottoscrive un fondo è capire se si tratta di un fondo di previdenza complementare che permette l’accesso alla RITA.

Inoltre, il fondo pensione sono convenienti non solo perché permette di anticipare il pensionamento, ma prevedono agevolazioni fiscali da non sottovalutare.

Coloro che sottoscrivono un fondo pensione possono dedurlo nel 730 2020; nello specifico i contributi versati relativi all’anno di versamento, sono deducibili dalle imposte fino a soglia massima di euro 5.164,57.

Pensionamento con il fondo pensione a 57 anni

Abbiamo accennato che è possibile anticipare il pensionamento di cinque o dieci anni dall’età richiesta per la pensione di vecchiaia che nel 2020 è di 67 anni, spieghiamo nel dettaglio come funziona questa misura pensionistica con l’accesso al fondo pensione.

La RITA permette di anticipare l’età pensionabile richiesta per la pensione di vecchiaia in base alla corresponsione di una rendita che funge da ponte e viene percepita finché il lavoratore non perfeziona il requisito anagrafico pere la pensione di vecchiaia. È fondamentale per accedere a questa misura previdenziale aver sottoscritto almeno cinque anni prima un fondo pensione.

R.I.T.A.: requisiti

I requisiti richiesti per la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata nel 2020.

Per un anticipo di 5 anni: 62 anni

  • un’ età anagrafica minimo di 62 anni (non più di 5 anni dal raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia);
  • minimo 20 anni di contributivi;
  • cessazione del rapporto di lavoro (autonomo o dipendente);
  • cinque anni di contributivi versati in un fondo pensione.

Per un anticipo di 10 anni

  • il richiedente deve essere inoccupato da almeno 24 mesi (successiva alla cessazione del lavoro);
  • un’ età anagrafica minimo di 57 anni (non più di 10 anni dal raggiungimento dell’età per la pensione di vecchiaia);
  • minimo 20 anni di contributivi

Il pensionamento con il fondo pensione non ha finestre mobili e si percepisce dal momento che la pratica viene accettata e dura per tutto il periodo che il richiedente perfezioni i requisiti previsti per la pensione di vecchiaia. La rendita può essere erogata in modo frazionato in tutto o in parte in base al montante contributivo accumulato.

Bisogna chiarire che il valore della rendita è più alto se è altro il valore accumulato nel fondo pensione.

È possibile accedere alla RITA anche con il riscatto dei contributi, versamento di contributi volontari, anticipazione, ecc.)


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”