Pensione 2020: data maturazione requisiti, un fattore indispensabile

Pensione nel 2020 in base ai requisiti, ma bisogna fare attenzione alla data limite della maturazione dei requisiti (anagrafici e contributivi).

La pensione nel 2020 ha regole ben precise sulla data di maturazione dei requisiti, parliamo di una misura destinata alle lavoratrici dipendenti di tutti i settori lavorativi (pubblico, privato e autonomo). Questa misura valida per tutto il 2020 (salvo eventuale nuova proroga) permette di uscire dal lavoro 8/9 anni prima dal lavoro, rispetto l’età anagrafica richiesta per la pensione di vecchiaia, che attualmente è di 67 anni. 

Pensione Opzione donna: requisito e convenienza

Una lettrice ci pone la seguente domanda: Buonasera, volevo gentilmente sapere se avendo compiuto 58 anni a Gennaio 2020 e maturato 35 anni a dicembre 2019, rientro con opzione donna, grazie in anticipo.

Attualmente i requisiti della pensione con Opzione donna sono:

Requisito anagrafico

– lavoratrice dipendente 58 anni di età;

– lavoratrice autonoma 59 anni di età;

Requisito contributivo

almeno 35 anni di contributi utili

Età di maturazione di entrambi i requisiti: 31 dicembre 2019

Calcolo assegno con il sistema contributivo

Questa misura, ha due aspetti da considerare: il primo consiste nell’anticipo dell’età pensionabile, che non è poco in quanto attualmente nessuna misura permette di uscire dal lavoro otto/nove anni prima; il secondo riguarda il calcolo dell’assegno pensionistico interamente con il sistema contributivo

Come tutte le cose nulla è gratuito, infatti, l’assegno pensionistico rispetto ad una normale pensione, subisce una riduzione del 25€ – 30% rispetto all’ultima mensilità percepita.

Inoltre, nel cumulo contributivo, sono considerati solo i contributi utili, sono esclusi i contributi figurativi per malattia e indennità di disoccupazione Naspi. 

In pratica i contributi versati, vengono annualmente rivalutati con il tasso di capitalizzazione dato dalla variazione media quinquennale del prodotto interno lordo.

Alla cessazione del rapporto di lavoro per pensionamento, il montante maturato, realizzato con i contributi versati e rivalutati, è convertito in pensione mediante vari coefficienti di trasformazione che sono stabiliti dall’età pensionabile e dall’aspettativa di vita (il D.l. n. 4/2019 ha sospeso l’aspettativa di vita per la pensione Opzione donna). 

Al momento lei non può aderire a questa misura bisogna attendere la proroga per il 2021 con una modifica della data di maturazione dei requisiti. 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”