Pensione a 63 anni dipendente pubblico: quali alternative?

Un dipendente pubblico con quali misure può accedere al pensionamento al compimento dei 63 anni di età e con invalidità certificata?

Per i dipendenti del pubblico impiego con invalidità non è consentito l’accesso alla pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori con disabilità poichè la misura è destinata soltanto ai lavoratori privati. I lavoratori della pubblica amministrazione, però, possono accedere alle altre misure che consentono il prepensionamento a causa dell’invalidità. Cerchiamo di capire.

Pensione a 63 anni

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno sono dipendente pubblica ho 63 anni a giugno 35 anni e 6 mesi di contributi e una invalidità  80%100 potrei accedere alla pensione anticipata e in che modo andrei in pensione andrei a perdere si o no?? Quanto sarebbe più o meno la mia pensione al lordo e netto che prenderei?? Se converrebbe adesso?? Grazie fatemi sapere perché tutti i caf e patronato mi hanno detto che non ci posso accedere a niente fino a solo pensione di vecchiaia.

Come anticipato ad inizio  articolo i lavoratori del pubblico impiego non possono utilizzare la pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori con invalidità pari o superiore all’80% poichè la misura è destinata soltanto ai lavoratori del settore privato.

Nel suo caso, però potrebbe accedere alla pensione con l’Ape sociale visto che ha compiuto i 63 anni, possiede almeno 30 anni di contributi ed ha un’invalidità certificata pari o superiore al 74%.

Se al Caf ha chiesto espressamente di poter accedere alla misura destinata ai lavoratori con invalidità pari o superiore all’80% è normale che le abbiano riferito che non può accedere, ma per lei esiste l’alternativa dell’Ape sociale fin da subito.

Non so dirle, però, a quanto ammonterebbe la sua pensione che, in ogni caso, sarebbe calcolata sul suo montante contributivo (i contributi realmente versati nella sua carriera lavorativa). La convenienza o meno, in ogni caso, può valutarla solo lei che potrebbe smettere di lavorare con 4 anni di anticipo rispetto alla pensione di vecchiaia (ma ovviamente accedere, sempre rispetto alla pensione di vecchiaia, con 4 anni di contributi versati in meno).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.