Pensione a 64 anni con 20 anni di contributi, attenzione, non a tutti spetta

Non tutti possono accedere alla pensione a 64 anni con soli 20 anni di contributi: vediamo quali sono i requisiti necessari.

Esiste una pensione contributiva che permette di accedere, anticipatamente all’età di 64 anni e con soli 20 anni di contributi. Ma si tratta di una misura che, purtroppo, non è aperta alla totalità dei lavoratori ma soltanto ad una platea ristretta di beneficiari. Cerchiamo di capire quali sono i paletti che questa misura impone e chi può beneficiarne.

Pensione a 64 anni con 20 anni di contributi

Una nostra lettrice chiede per il suo possibile pensionamento:

Buonasera io ho 20anni di contributi 64 anni posso fare richiesta di pensione grazie. 

La misura che permette il pensionamento a 64 anni con 20 anni di contributi maturati è la pensione anticipata contributiva, una misura introdotta dalla legge Dini del 1995 ed in vigore dal 1 gennaio 1996. Essendo una pensione contributiva, purtroppo, richiede dei requisiti ben precisi oltre all’età anagrafica di accesso e ai contributi richiesti. 

Per intenderci, quindi, non possono accedere a questo tipo di pensione tutti coloro che al compimento dei 64 anni hanno maturato i 20 anni di contributi ma sono richiesti anche altri requisiti da rispettare. 

Essendo una pensione contributiva è necessario che tutti i contributi versati, infatti, ricadano nel contributivo puro e questo è possibile solo in due casi specifici: quando il lavoratore non ha contributi versati prima del 1 gennaio 1996 o quando lo stesso possa optare per il computo nella Gestione Separata.

Il computo nella Gestione Separata può essere esercitato in presenza dei due seguenti requisiti:

• almeno 1 contributi versato prima del 1996 e meno di 18 anni di contributi versati prima del 1 gennaio 1996

• un totale di almeno 15 anni di contributi di cui almeno 5 anni versati dopo il 1 gennaio 1996.

La pensione anticipata contributiva, oltre ai 64 anni di età ed ai 20 anni di contributi ricadenti nel sistema contributivo puro, richiede anche che il primo assegno pensionistico percepito sia pari ad almeno 2,8 volte il minimo INPS (si parla, quindi, di una pensione mensile di almeno 1400 euro).

Se non si possiedono tutti i requisiti sopra elencati non è possibile accedere al pensionamento con questa misura e per forza di cose si sarà costretti ad attendere il compimento dei 67 anni di età per accedere alla pensione di vecchiaia ordinaria.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.