Pensione: a che età e con quanti anni di contributi?

Una carrellata di misure previdenziali per accedere al pensionamento che illustrano quali sono i requisiti anagrafici e contributivi richiesti per l’accesso.

Moltissimi sono i lavoratori confusi dalle molte misure previdenziali in vigore che alla fine non sanno con quanti anni di contributi e con quale età è possibile andare in pensione. Purtroppo la risposta non è univoca poichè i requisiti cambiano con il variare del numero di anni di contributi posseduti. Cerchiamo, quindi, di fare una panoramica sulle possibilità di pensionamento esistenti in base ai contributi posseduti vedendo, al tempo stesso, anche l’età richiesta per l’accesso.

Pensione: requisiti anagrafici e contributivi

Un nostro lettore ci chiede:

Volevo sapere per piacere a che età devo andare in pensione e con quanti contributi grazie se potete aggiornarmi.

Prendiamo spunto da questa richiesta per fare una panoramica, utile a tutti, di quelle che sono le misure attualmente in vigore per accedere al pensionamento.

Pensione con 20 anni di contributi

Con almeno 20 anni di contributi si può accedere al pensionamento con diverse misure che richiedono, in base ai casi requisiti anagrafici differenti:

1)pensione di vecchiaia con almeno 20 anni di contributi e 67 anni di età.

2) Ape volontario al compimento dei 63 anni di età con almeno 20 anni di contributi (attenzione la misura è in scadenza il 31 dicembre 2019)

3)RITA: per chi ha aderito ad un fondo previdenziale complementare versandovi almeno 5 anni di contributi, è in possesso di almeno 20 anni di contributi accreditati nella previdenza obbligatoria, ha almeno 57 anni di età se disoccupato da almeno 24 mesi oppure 62 anni di età se ancora in servizio lavorativo.

4) Pensione anticipata contributiva che richiede almeno 20 anni di contributi (che però devo essere stati versati tutti successivamente al 31 dicembre 1995) ed ha compiuto 64 anni di età. Per questa misura è richiesto che il primo assegno pensionistico liquidato sia pari almeno a 2,8 volte il minimo INPS.

Pensione con 30 anni di contributi

Per chi ha almeno 30 anni di contributi ed ha compiuto 63 anni è possibile accedere al pensionamento con l’Ape sociale se rientra in uno dei seguenti profili di lavoratori: disoccupato he ha percepito per intero la Naspi, invalido con percentuale pari o superiore al 74%, caregiver che si prende cura da almeno 6 mesi di familiare convivente con handicap grave, lavoratori usuranti, lavoratori addetti alle mansioni gravose. Per usuranti e gravosi sono richiesti almeno 36 anni di contributi. La misura è in scadenza il prossimo 31 dicembre.

Pensione con 38 anni di contributi

Per chi possiede 38 anni di contributi e almeno 62 anni di età è possibile accedere al pensionamento con la quota 100. Attenzione però, la misura resta in vigore fino al 31 dicembre 2021 e i requisiti di accesso devono essere raggiunti entro tale data.

Pensione con più di 40 anni di contributi

Per chi possiede più di 40 anni di contributi le possibilità di pensionamento sono 2: da una parte la quota 41 e dall’altra la pensione anticipata tradizionale. Per accedere alla quota 41 con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età è necessario aver versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età e di appartenere ad uno dei profili tutelati (disoccupato he ha percepito per intero la Naspi, invalido con percentuale pari o superiore al 74%, caregiver che si prende cura da almeno 6 mesi di familiare convivente con handicap grave, lavoratori usuranti, lavoratori addetti alle mansioni gravose).

Per accedere alla pensione anticipata ordinaria, invece, indipendentemente dall’età sono necessari 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.