Pensione anticipata a 57 anni: che possibilità ho?

Quali reali possibilità di pensionamento per chi oggi ha 57 anni e 38 anni di contributi? Scopriamo le misure e le ipotesi.

Le possibilità di pensionamento in Italia sono offerte da numerose misure previdenziali che permetto di accedere alla quiescenza prima del compimento dei 67 anni. In alcuni casi, però, si può contare anche sul prepensionamento con la rendita, aperto soltanto a chi ha un fondo previdenziale complementare e che permette un anticipo di 5 o 10 anni, a seconda dei casi.

Pensione a 57 anni

Un lettore, per capire le reali possibilità di prepensionamento che ha, scrive:

Ho 57 anni di eta’,detengono 38 anni di contributi nella gestione obbligatoria inps come lavoratore dipendente e sono iscritto da vent’anni a un fondo pensione. Puo’ spiegarmi in breve che possibilità ho? Premetto che ho un anno e mezzo di lavoro prima del 19′ anno di eta’.

Esaminiamo il suo caso specifico. Con 57 anni di età e 38 anni di contributi versati le sue possibilità di pensionamento a breve potrebbero essere rappresentate da:

quota 41: essendo un lavoratore precoce potrebbe accedere al pensionamento con 41 anni di contribuzione versata a patto che rientri in uno dei profili di tutela che comprendono disoccupati, caregiver, invalidi, usuranti e gravosi. Può trovare i requisiti di accesso dettagliati nell’articolo: Pensioni, ultime notizie 41 anni di contributi e requisiti specifici, ecco di cosa si tratta

pensione anticipata legge Fornero: per questa misura è necessario che maturi almeno 42 anni e 10 mesi di contributi e sarebbe, nel suo caso, la più lontana da raggiungere.

RITA, Rendita Integrativa Temporanea Anticipata: non si tratta, in questo caso di una pensione INPS, ma di un  prepensionamento tramite rendita attingendo dal fondo previdenziale complementare. Deve innanzitutto assicurarsi che il suo fondo pensione lo prevede. In caso affermativo può accedere a 57 anni se risulta disoccupato da almeno 24 mesi, in caso contrario al compimento dei 62anni.

In ogni caso il mio consiglio, visto che le misure sopra riportate richiedono ancora qualche anno per permettere l’accesso alla pensione, è di attendere quello che sarà deciso con la riforma pensioni 2021 poichè si parla anche dell’attuazione di una quota 41 per tutti senza vincoli e paletti di accesso. La cosa le permetterebbe il pensionamento fra 3 anni. In ogni caso, anche se non dovesse essere attuata questa misura potrebbe essere varata una nuova flessibilità in uscita che potrebbe permetterle il pensionamento a breve.

A tal proposito la invito a leggere l’articolo in cui si approfondiscono le ipotesi di misure al vaglio: Riforma pensioni 2021 dopo quota 100: pensione di garanzia e quota 41 per tutti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.