Pensione anticipata contributiva con 20 anni di contributi: ecco a chi spetta

L’opzione contributiva non sempre permette l’accesso alle pensioni riservate esclusivamente a coloro che ricadono nel contributivo puro.

La pensione contributiva permette di accedere a 2 misure riservate esclusivamente a chi ha i contributi versati esclusivamente nel sistema contributivo. Le possibilità sono rappresentate dalle pensioni anticipata e di vecchiaia contributiva che sono accessibili solo a determinate condizioni.

Pensione anticipata con 20 anni di contributi

Un lettore scrive per chiedere:

Buongiorno, ho 20 anni di contributi versati a cavallo del 1995 ed il 2020 con dei buchi dovuti a una carriera abbastanza discontinua. Mi è stato detto da conoscenti che al compimento dei 64 anni potrei andare in pensione con 20 anni di contributi esercitando l’opzione contributiva prevista dalla Legge Dini ma il Caf mi dice, invece, che non posso farlo. Mi chiarisce un pò le idee?

La pensione anticipata contributiva, che si raggiunge al compimento dei 64 anni con soli 20 anni di contributi richiede che questi ultimi siano stati versati interamente nel sistema contributivo e questo avviene quando i versamenti sono tutti successivi al 31 dicembre 2015 o quando è possibile optare per il computo nella gestione separata avendo una posizione aperta in questa gestione e avendovi versato contributi.

Per quel che riguarda, invece, l’opzione contributiva, quest’ultima non sempre permette l’accesso alle pensioni contributive di cui stiamo parlando.

Per poter esercitare l’opzione contributiva è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996 ma comunque contribuzione presente prima di tale data
  • almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1995
  • 15 anni di contributi totali versati.

La data spartiacque per l’opzione contributiva è rappresentata dal 31 dicembre 2011 ed ora capiremo il perchè.

Per chi raggiunge i requisiti per esercitare l’opzione contributiva prima di tale data, infatti, la stessa oltre a prevedere il calcolo dei contributi interamente nel sistema contributivo permette anche l’accesso alle pensioni contributive di cui stiamo parlando.

Per chi, invece, raggiunge i requisiti dopo tale data l’opzione contributiva permette solo il calcolo dei contributi nel sistema contributivo puro senza permettere, però l’accesso alle pensioni contributive.

Nel suo caso, quindi, se al 31 dicembre 2011 era in possesso di almeno 15 anni di contributi, visto che soddisfa gli altri requisiti per esercitare l’opzione, la stessa le darà diritto all’accesso alla pensione a 64 anni con 20 anni di contributi. Se, invece, in quella non aveva maturato i 15 anni di contributi l’opzione contributiva non le permetterà quel tipo di pensionamento.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.