Pensione anticipata e turni notturni, cambiano le regole, le novità INPS

Pensione anticipata per lavori notturni, l’INPS pubblica un messaggio con le nuove direttive, ecco tutte le novità.

Pensione anticipata e turni notturni, la legge di Bilancio 2018 n.  205, indica importanti disposizioni normative sulla rivalutazione dei turni effettivamente svolti nel periodo notturno dai lavoratori. Specifica nel dettaglio, che viene considerato lavoro notturno, il lavoratori che vengono impiegati in cicli produttivi organizzati su turni di dodici ore e che svolgono attività lavorativa per almeno sei ore anche durante l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino.

Pensione anticipata per lavori con turni notturni: la circolare INPS

L’INPS con la circolare del 29 marzo 2018, n. 59, fornisce indicazioni riguardo ai destinatari della rivalutazione dei turni svolti nel periodo notturno per l’accesso al trattamento pensionistico anticipato (ai sensi del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67).

Il messaggio dell’INPS illustra anche i termini e le modalità di presentazione delle domande di accesso al beneficio e di pensionamento anticipato. L’incremento di copertura finanziaria permette l’attuazione delle disposizioni oggetto della circolare.

Nello specifico ricordiamo che devono presentare la domanda di riconoscimento dello svolgimento di attività particolarmente faticosa e pesante entro il 1° maggio 2018, allegando la documentazione minima necessaria dal quale risulti che il lavoro è articolato in turni di dodici ore, svolti per almeno 6 ore nel periodo notturno.

Pensione anticipata: come presentare la domanda

La presentazione della domanda di riconoscimento del beneficio oltre il termine del 1° maggio 2018 comporta, in caso di accertamento positivo dei requisiti, il differimento della decorrenza del trattamento pensionistico anticipato.

La domanda di riconoscimento del beneficio e la relativa documentazione devono essere presentate telematicamente alla struttura territorialmente competente, per il lavoro usurante dev’essere utilizzato il modulo AP45, è possibile scaricarlo dal sito internet dell’Istituto www.inps.it nella sezione “Modulistica”.

Leggi anche: Pensione RITA con 58 anni e 20 anni di contributi, tutte le novità 2018

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.