Pensione anticipata per coronavirus: è possibile oppure è un’utopia?

Sono previste forme di pensionamento anticipato a causa del coronavirus? Vediamo cosa prevedono le normative di riferimento.

Soprattutto in questo periodo di crisi e di emergenza sanitaria, con la paura di dover uscire di casa per recarsi al lavoro, chi è molto vicino alla pensione si sta chiedendo se il governo ha predisposto qualche misura che permetta il pensionamento prima del dovuto. Vediamo la domanda del nostro lettore e cerchiamo di dare una risposta.

Pensione prima per coronavirus

Un nostro lettore ci scrive:

Buongiorno, il governo ci consiglia di rimanere a casa ma moltissimi di noi devono recarsi al lavoro per poter vivere visto che l’azienda non ha predisposto nè chiusura, nè ferie, nè tanto meno il lavoro da casa. Per chi, come me, è al di sopra dei 60 anni la paura è tanta, visto che i morti per il virus sono tutte persone anziane. E allora mi chiedevo: il governo non ha previsto anche delle possibilità di pensionamento per chi è vicino alla pensione  anche per evitare che chi ha età comprese tra i 60 e 67 anni esca di casa ed entri in contatto con qualcuno che lo possa contagiare?

Purtroppo il governo al momento non ha varato nessuna misura per permettere pensionamenti anticipati causa coronavirus. Le forme di pensionamento rimangono quelle attualmente in vigore e con la sua età potrebbe accedere o alla pensione anticipata ordinaria, con 42 anni e 10 mesi di contributi, o alla quota 41 se possiede almeno 41 anni di contributi ed è anche un lavoratore precoce.

Una possibilità che viene offerta alle aziende, poi, è l’isopensione che permette il ricambio generazionale: la misura permette il pensionamento anticipato a 61 anni con almeno 35 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 34 anni e 10 mesi per le donne. Si tratta, quindi, di un anticipo di 7 anni rispetto alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata ma deve essere volontà del datore di lavoro permetterlo. 
Infatti il datore di lavoro sarebbe chiamato, fino al compimento dei 67 anni, a pagare l’assegno pensionistico al proprio ex dipendente continuando al tempo stesso a versare anche i contributi INPS al dipendente per permettergli di avere la pensione piena all’accesso alla prestazione di vecchiaia.

In ogni caso se ha paura a recarsi al lavoro, anche se l’azienda non ha predisposto ferie forzate può anche richiedere lei un periodo di ferie per restare a casa al sicuro da un possibile contagio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.