Pensione anticipata, quali sono le strade nel 2021 per chi ha 62 anni?

Quali sono le possibilità di pensionamento per chi nel 2021 compie 62 anni e non può accedere alla pensione con la quota 100?

Cerchiamo di capire quali sono le possibilità di poter accedere ad una pensione anticipata per chi nel 2021 avrà compiuto i 62 anni rispondendo alla domanda di un lettore che ci da la possibilità di affrontare l’argomento in modo più dettagliato, visto che per poter accedere ad un anticipo pensionistico è necessario essere in possesso di determinati requisiti anagrafici, contributivi, o entrambi.

Pensione anticipata nel 2021

Un lettore scrive per chiedere: A gennaio 2021 compio 62 anni ma non sono in possesso dei 38 anni di contributi richiesti per poter accedere alla quota 100. Ho versato attualmente solo 35 anni di contributi. Quali possibilità di pensionamento anticipato si aprono per me anche prendendo in considerazione scenari futuri?

Ovviamente, come lei stesso fa notare non potrà accedere alla quota 100 per mancanza del requisito contributivo. Ma devo anticiparle che, in ogni caso, non ha molte possibilità di pensionamento anticipato visto che per ognuna delle misure attualmente in vigore le manca o il requisiti anagrafico o quello contributivo.

Pur non sapendo se la proroga dell’Ape sociale, infatti, sarà valida anche dopo il 2021, in ogni caso non potrà pensionarsi con questa misura neanche al raggiungimento dei 63 anni se non rientra in uno dei profili di tutela (disoccupati, caregiver, invalidi, gravosi e usuranti).

Per la pensione anticipata ordinaria non ha il tempo materialmente necessario per il raggiungimento dei contributi richiesti prima della maturazione della pensione di vecchiaia.

Alla pensione anticipata contributiva non può accedere in quanto non ha i contributi versati interamente nel sistema contributivo.

L’unica possibilità di un pensionamento anticipato, nel suo caso, è rappresentato dalla prossima riforma previdenziale che dovrebbe portare all’inserimento di una nuova misura flessibile entro la fine del 2021. Se ne sta parlando proprio in questi giorni e tra le varie ipotesi è contemplata la possibilità di una flessibilità a 62 anni (ancora non si sa con quanti anni di contributi sarà possibile l’accesso) con penalizzazioni di un massimo del 3% per ogni anno di anticipo rispetto ai 67 anni.

La prossima riforma pensioni, quindi, potrebbe permetterle un pensionamento anticipato, ma con le normative attualmente in vigore prima dei 67 anni, per lei, non vi sono possibilità.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.