Pensione anticipata quota 100: cosa è e chi interessa

Pensione anticipata quota 100: se ne torna a parlare, ma di cosa si tratta? Vediamo chi interessa.

La proposta di pensione quota 100 è un progetto per cercare di creare una maggiore flessibilità in uscita per i lavoratori di entrambi i sessi.
A promuovere l’iniziativa è Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera, che ha riassunto le linee guida della propista nel ddl 2945.
Con la quota 100 si ha la posibilità di cessare il lavoro con un’età minima di 62 anni e con almeno 35 anni di contributi. I requisiti anagrafici e contributivi, però, devono dare, sommati, la somma 100.
Si può accedere alla pensione anticipata, quindi, con 62 anni di età e 38 anni di contributi, 63 anni di età e 37 anni di contributi, 64 anni di età e 36 anni di contributi o 65 anni di età e 35 anni di contributi.
Per i lavoratori autonomi, invece, è richiesta la quota 101.
La proposta di Cesare Damiano, però, non prevede alcun tipo di agevolazione per i lavoratori precoci così un lavoratore precoce che raggiunge l’anzianità contributiva di 35 anni, dovrà in ogni caso attendere i 62 anni di età per accedere alla pensione anticipata oppure il perfezionamento dei contributi per l’accesso alla pensione anticipata ordinaria.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.