Pensione anticipata: Quota 100, Quota 41, Opzione donna e Quota 35 Caregiver, cosa succederà nel 2019?

Pensione anticipata: Quota 100, Quota 41 o Quota 42, Opzione donna e Quota 35 Caregiver, cosa sarà inserito nella legge di Bilancio 2019? Tutte le novità

Pensione anticipata, tante le novità in questi ultimi giorni e tante le indecisioni. In quest’articolo racchiuderemo tutte le novità degli ultimi giorni sulla riforma pensioni e cosa succederà nel 2019.

Pensione Quota 100

La pensione Quota 100 allo studio, Ministero del Lavoro e Mef analizzano il dossier pensioni, da inserire nella legge di bilancio 2019.

L’ultima indiscrezione vede sul tavolo l’uscita con pensione quota 100 con differenti modulazioni in base al settore di appartenenza dei lavoratori. L’analisi è in mano ad un team di esperti, che analizza le modalità di uscita con quota 100, somma di età anagrafica e anzianità contributiva.

Gli esperti si rifanno ad alcuni strumenti oggi in vigore, ed esattamente: il fondo esuberi del settore bancario, che attraverso il sostegno del reddito e uscite anticipate incentivanti, porta al pensionamento senza traumi; un’altra misura è il fondo “Tris” nel settore chimico farmaceutico, che per chi va in pensionamento anticipato e lascia spazio ai giovani, assicura assegni integrativi al reddito; infine l’ultima misura considerata come riferimento è l’isopensione, introdotto dalla tanta discussa Riforma Fornero, per garantire agli esodati da aziende con almeno 15 dipendenti uno scivolo verso il pensionamento di massimo 4 anni completamente a carico dell’impresa. Quest’ultima misura è stata introdotta da molte aziende di grandi dimensioni. Nell’ultima legge di Bilancio, è stata ulteriormente potenziata consentendo ai datori di lavoro, previo accordo sindacale, di far uscire i dipendenti distanti dalla pensione fino a un massimo di 7 anni.

Pensione Quota 41 per tutti 

La quota 41 per tutti, doveva dare possibilità a tutti i lavoratori di andare in pensione con la matuarazione di 41 anni di contributi indipendentemente dall’età, senza il vincolo di lavor precoce, di lavoro gravoso e usurante, ecc. che tutelava solo alcune categorie di lavoratori. Doveva essere una pensione per tutti e non una pensione anticipata, si diceva che 41 anni di contributi bastavano per andare in pensione. Adesso l’amara novità che forse non verrà attuata. La normativa pensionistica attualmente in vigore prevede che è possibile andare in pensione anticipata con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età, ma non per tutti, bisogna avere particolari requisiti. Inoltre dal 2019  saranno necessari 5 mesi in più a seguito dell’adeguamento con le aspettative di vita. Quindi per poter accedere alla Quota 41 dal 2019 i lavoratori precoci, dovranno maturare 41 anni e 5 mesi di contributi indipendentemente dall’età. 

Possono accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi, i lavoratori con almeno 12 mesi di lavoro effettivo, entro il compimento del diciannovesimo anno di età, inoltre devono trovarsi nelle seguenti condizioni:

  • lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che assistono, al momento della richiesta e da almeno sei mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104);
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che hanno una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%;
  • lavoratori dipendenti addetti a lavori usuranti (articolo 1, commi 1, 2 e 3, del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67);
  • lavoratori che svolgono mansioni lavoro gravoso, da almeno sei anni in via continuativa.

Pensione Quota 42, spunta una nuova misura a sostituzione della Quota 41 per tutti

Tra le ipotesi sul tavolo di Governo, si affaccia l’idea di sostituire la Quota 41, onerosa per il governo, con la Quota 42. La nuova misura permetterebbe di andare in pensione anticipata con 42 anni di contributi indipendentemente dall’età. Questo porterebbe ad una diminuzione della platea degli aventi diritto e renderebbe fattibile la proposta sotto l’aspetto finanziario. 

Pensione Opzione donna

Pensione anticipata Opzione donna, il governo prevede di inserire la proroga nella legge di Bilancio 2019. Questa misura prevede l’uscita anticipata per le donne lavoratrici a 57 anni e 58 per le lavoratrici autonome, con un requisito contributivo di 35 anni. L’opzione donna rappresenta una possibilità per le lavoratrici di pubblico e privato di uscire dal mondo del lavoro in anticipo, ma ci sono delle condizioni che bisogna accettare e che sono penalizzanti, bisognerà accettare un assegno calcolato interamente su sistema contributivo. Importanti novità previste nell’emendamento del deputato Rizzetto, con modifica del requisito contributivo ampliando la platea dei beneficiari e riduzione dei costi. Per maggiori chiarimenti, consigliamo di leggere: Pensione anticipata Opzione donna per le nate nel 1961 dal 2019, le novità

Pensione Quota 35 Caregiver

E’ stata lanciata un’importante petizione, che prevede la figura del Caregiver. La proposta chiede l’accesso alla pensione con Quota 35, quindi con 35 anni di contributi per chi assiste un familiare con handicap grave. Si rivolge alle donne anche se nella petizione è inserito anche un papà che ha perso la moglie e da solo accudisce i suoi figli. Una proposta che deve far pensare, ricordiamo che il nuovo Governo non intende prorogare l’Ape Sociale, che considerava la figura del Caregiver familiare. Speriamo che la petizione vada avanti e raccolga molte firme. Per maggiori informazioni, e per firmare la petizione,consigliamo di leggere: Riforma pensione: Quota 100, Quota 41 per tutti e Quota 35 per Caregiver, la nuova proposta

pensione-anticipata-disabili

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.