Pensione anticipata Quota 41 con contributi volontari o quale alternativa?

Pensione anticipata Quota 41 con il versamento dei contributi volontari in un’unica soluzione, è possibile? Analizziamo cosa prevede la normativa.

Pensione anticipata Quota 41 con il pagamento dei contributi volontari, analizziamo il quesito di una nostra lettrice: Buongiorno, mi chiamo M, ho 54 anni, sono disoccupata dal 2018 e la mia Naspi terminerà a maggio del 2019. A dicembre 2019 avrò maturato 37 anni di contributi e sono una lavoratrice precoce, quindi potrei accedere alla pensione con 41 anni. Non rientro nell’opzione donna, nemmeno nella R.I.T.A. Vorrei sapere se i contributi volontari si possono versare in un’unica soluzione, o se c’è un altro modo per prendere la pensione anticipata. Grazie e saluti.

Pensione Quota 41 con contributi volontari

Si, è possibile arrivare al requisito richiesto con Quota 41 con il versamento dei contributi volontari. La somma che dovrà versare sarà comunque una somma cospicua in quanto lei si trova nella situazione di dover versare quattro anni di contribuzione volontaria. Abbiamo spiegato come vengono calcolati i contributi volontari in quest’articolo: Contributi volontari utili al pensionamento: calcolo e costo

Per i contributi volontari bisogna presentare richiesta telematica all’INPS Il versamento non può essere effettuato in un’unica soluzione ma per i periodi correnti (quattro trimestri ogni anno) deve essere effettuato entro il trimestre solare successivo a quello di riferimento. Ad esempio, per coprire il primo trimestre (gennaio-febbraio-marzo) il versamento deve essere effettuato entro il 30 giugno.

Ricordiamo che il rilascio dell’autorizzazione ai versamenti volontari è subordinato alla cessazione o all’interruzione del rapporto di lavoro che ha dato origine all’obbligo assicurativo.

L’autorizzazione rilascia dall’Inps non decade mai e i versamenti volontari, anche se interrotti, possono essere ripresi in qualsiasi momento senza dover presentare una nuova domanda.

Inoltre, i contributi versati possono essere negli oneri deducibili della dichiarazione dei redditi (redditi o 730) con una riduzione del reddito complessivo sul quale viene determinata l’imposta.

In riferimento alle altre alternative, le ha già escluse lei, 54 anni di età sono pochi per poter accedere a qualsiasi forma pensionistica, l’unica misura che permette un pensionamento di circa 10 anni di anticipo è la R.I.T.A. per i disoccupati di lunga durata, ma non è per tutti. Per maggiori approfondimenti su questa misura consigliamo di leggere: Pensione anticipata per disoccupati a 57 anni: requisiti per fare domanda


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”